Schema di bilancio, Ragni (Forza Italia): "Le maggiori esenzioni Irpef? Una trovata elettorale"

"Le maggiori esenzioni Irpef del sindaco Drei? Una trovata elettorale", afferma Ragni

La giunta comunale ha approvato e presentato le linee guida dello schema di bilancio 2019-2021 che prevede, fra l’altro di elevare la fascia di esenzione totale dal pagamento dell'addizionale Irpef ai cittadini con 15mila euro di reddito (prima la soglia era a 8mila). Inoltre si propone  di ridurre  da 0,77% a 0,70% l'aliquota per la sola fascia da 15mila a 28mila euro. Infine, si prevede di tenere invariate le aliquote nei tributi locali Imu e Tasi, ed il mantenimento delle riduzioni tariffarie del 2018 relative a servizi a cittadini e imprese. "Al netto della propaganda elettorale, e dopo aver spremuto per anni i forlivesi, per la giunta si tratta di una mossa  abbastanza scontata, allinearsi alle fasce di esenzione praticate da altri Comuni dell’Emilia-Romagna, come in provincia di Reggio o nel bolognese, per far digerire meglio i rincari che peseranno sulle tasche di tutti i cittadini a causa del nuovo piano tariffario per lo smaltimento della raccolta differenziata sul modello Alea", commenta il capogruppo comunale di Forza Italia, Fabrizio Ragni.

“Due settimane fa avevamo diffidato il sindaco, e lo sollecitammo in Consiglio comunale con un apposito questione time, dall’aumentare le tasse e, a quanto pare, ha seguito il nostro consiglio - prosegue l'esponente berlusconiano -. Ma poteva fare di meglio. Tanti altri Comuni italiani piccoli e grandi (tipo Aquileia, Crema, Mantova ed altri, passando per Monfalcone, Riccione e Sesto San Giovanni) hanno mostrato maggiore coraggio estendendo la platea degli esenti dal pagamento dell’Irpef fino ad una soglia di reddito di 17-20 mila euro, e addirittura, a Santa Margherita Ligure, è in vigore un’esenzione totale per gli imponibili fino a 40 mila euro. Insomma, sulle leve fiscali in generale Drei poteva fare di più. Ma, soprattutto, quello che il sindaco non ha detto e non lo dirà fino all’inizio del prossimo anno quando Alea presenterà il conto agli utenti, è che i forlivesi  risparmieranno sul pagamento dell’Irpef, ma saranno chiamati a pagare di più per le tariffe della raccolta differenziata".

"E' che i forlivesi si troveranno alle prese coi costi dei vari svuotamenti dei bidoni (l’umido da 120 litri ogni 4 mesi è gratis, ma poi si pagano 15 euro ad ogni ritiro, così come sarà a pagamento il ritiro di erba, foglie, ramaglie e tronchi oltre la quantità minima di 15 metri cubi),  così come a  sarà a carico dell’utente anche il ritiro dei rifiuti ingombranti a domicilio - continua Ragni -. Per non parlare del costo del ritiro dei pannoloni e pannolini, che sarà messo a carico delle utenze più deboli come gli anziani e le famiglie con neonati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sommando tutti questi fattori, una famiglia media sarà chiamata a pagare più di quanto risparmia con l’esenzione comunale Irpef - ragiona l'esponente di Forza Italia -. E che non ci si venga a dire che l’annunciato  incremento delle tariffe per la raccolta differenziata dei rifiuti non sia cosa nota, da poterla mettere in piazza, al Comune di Forlì, l’ente capofila fra i soci pubblici, o alla stessa Alea che ha già comunicato che dovrà poter gestire un Piano Economico Finanziario più alto rispetto all’analogo di Hera e con un numero di dipendenti alle dirette dipendenze  superiore alla precedente società. Dovendo sopportare costi di gestione più alti Alea, per compensare, dovrà  presentare tariffe più alte. E' matematico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

  • Covid-19, nuova ordinanza in Emilia Romagna: contagi tra familiari, si stringono le maglie

Torna su
ForlìToday è in caricamento