Sconfitta di Calderoni alle elezioni? Biserna dà una sua lettura: "Di Maio pensava al nuovo progetto politico"

"E chissà quanti di quelli che transiteranno prossimamente già da mesi erano attivi o allertati"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

"Perchè il Pd con Calderoni ha perso le elezioni a sindaco di Forlì? Lo spiega benissimo, almeno per una certa misura, l' uscita di marco Di Maio dal Pd per confluire nel nuovo partito di Renzi. In effetti questo progetto di abbandono del Pd era in movimento da tempo e quindi è evidente che chi ci lavorava o lo sapeva era più interessato a costruire il nuovo partito "Italia Viva" piuttosto che occuparsi della sua città. E chissà quanti di quelli che transiteranno prossimamente già da mesi erano attivi o allertati, per cui di come sarebbero andate le cose a Forlì se ne fregavano. La conferma è che la campagna elettorale del Pd a Forlì è stata debole tutta affidata a visioni di un futuro tra venti anni di Calderoni e non ai problemi del presente ed a quel  grosso impegno che si sarebbe dovuto invece mettere in atto per salvare Forlì dalla Lega. 

E così si sono persi tranquillamente mesi per scegliere il candidato sindaco. E così Di Maio anche con colpevole ritardo prese tempo e poi declinò,  contribuendo a questo stallo. Noi non abbiamo le prove provate di tutto ciò, ma siamo stati protagonisti di diversi passaggi. Il primo quando tanti mesi prima delle elezioni incontrammo Di Maio e gli proponemmo di costruire una grande e vera lista civica (non come quella fintina di Calderoni e altre)  su un forte programma di rinnovamento con precisi punti di cambiamento: Di Maio prese tempo e non ci rispose mai! In verità fece peggio la Ancarani che si rifiutò di incontrarci. 

E ora veniamo alla fase elettorale  vera e propria, quando dopo il ballottaggio ci facemmo promotori di un incontro tra  Pd e 5 Stelle (anticipando quanto stanno facendo a Roma). Daniele Vergini rifiutò il solo parlare di alleanza, il Pd se ne fregò, mentre Calderoni tentò qualche debole approccio. Risultato, La  Lega ed il centrodestra hanno vinto e purtroppo bisogna dire che noi lo avevamo detto. Anzi, avevamo fatto il possibile perchè ciò non accadesse. Diremmo che forse abbiamo fatto più noi dello stesso Pd e di alcuni suoi capi per non dare la città alla Lega. E questo spiace ancora di più perchè i  tanti elettori che avevano votato i politici forlivesi non hanno poi visto quel necessario impegno per battere la Lega in città. E ora se si vuole veramente dare un senso a una fase di profondo cambiamento queste cose è giusto che tutti le sappiano".

Giancarlo Biserna

Torna su
ForlìToday è in caricamento