"Salvini muori male!", minacce anche a Forlì al ministro dell'Interno. "Scritte demenziali"

Il sottosegretario della Giustizia, Jacopo Morrone, parla di "indegne minacce" e "scritte demenziali"

"Salvini muori male!". Anche a Forlì compaiono scritte contro il ministro dell'Interno Matteo Salvini. La scritta è stata vergata con una vernice rossa ad una fermata del bus, con la medesima sigla apparsa a Modena e Parma. Il sottosegretario della Giustizia, Jacopo Morrone, parla di "indegne minacce" e "scritte demenziali" e aggiunge: "Abbiamo provveduto immediatamente a presentare una denuncia contro ignoti  e spero che al più presto  si possa risalire agli autori".

"E’ evidente, tuttavia, che il terreno per violenti e sovversivi lo sta concimando il clima avvelenato contro il leader della Lega alimentato dalle accuse infondate che gli sono rivolte, dalla disinformazione e dalla demonizzazione pregiudiziale - conclude il parlamentare della Lega -. L’auspicio è che il confronto politico, anche aspro, sia riportato nell’ambito del rispetto reciproco per evitare che si ripropongano nel paese situazioni che vorremmo relegate ai testi di storia".

Il commento su Twitter

Il ministro è intervenuto su Twitter: "Anche a Forlí i soliti idioti mi minacciano: 'Salvini muori male'. Che cosa gli rispondiamo? A me viene voglia di andare avanti piu' forte di prima! Buon pomeriggio amici".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Assalita nella lite condominiale a suon di 'terrona' e 'morta di fame': l'amara segnalazione di una donna

  • Due concorsi per una settantina di posti nel pubblico impiego, la Cgil organizza la formazione

  • "Ripuliva" i soldi delle fatture false in una sala giochi: riciclaggio sull'asse Faenza-Forlì, sequestro da un milione di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento