Castrocaro, l'allarme del consigliere Ferrini: "Di fatto è rimasto solo un vigile urbano"

Presentata un'interrogazione al sindaco dall'esponente di Casa Civica: "Così la sicurezza non è garantita"

Pensionamenti e trasferimenti hanno lasciato la Polizia Locale di Castrocaro Terme e Terra del Sole particolarmente sguarnita, tant'è che ad oggi risultano in servizio un responsabile locale e di vallata, oltre a due agenti aggregati da Forlì, ma in maniera temporanea. "Di fatto - commenta il consigliere di Casa Civica Alessandro Ferrini - il nostro comune rischia di rimanere con un unico vigile urbano, mentre secondo la legge regionale dovremmo averne, in rapporto alla popolazione, circa cinque, senza contare gli aumenti di organico previsti per i paesi turistici. Così è sempre stato fino al 2014, fino a quando, cioè, il servizio di Polizia Locale è stato conferito all'Unione dei Comuni Forlivesi".

Di fronte a questi numeri l'esponente di minoranza ha depositato un'interrogazione ufficiale rivolta al sindaco Marianna Tonellato, lanciando un allarme ben preciso: "La Polizia Locale assicura sorveglianza del territorio, sicurezza stradale e ordine pubblico. In autonomia o in collaborazione con le altre forze dell'ordine fornisce servizi indispensabili per la tranquillità della vita del paese e dei suoi cittadini. Non possiamo permetterci di rimanere sguarniti e con questi numeri la sicurezza della comunità non è garantita: basti pensare che per un pattugliamento gli agenti devono intervenire in coppia e ad oggi non si può assicurare la presenza in giornata di due vigili contemporaneamente".

Prosegue Ferrini: "Con l'arrivo della bella stagione , poi, bisognerebbe aumentare il presidio urbano per la presenza di turisti e visitatori, per le tante manifestazioni programmate e per il rischio dei furti in appartamento che cresce in estate come ormai purtroppo sanno molti concittadini. Una situazione che, inoltre, potrebbe aggravarsi dopo l'annunciata chiusura da parte del governo giallo-rosso del distaccamento di Polizia Stradale di Rocca San Casciano, a questo proposito Casa civica ha presentato un ordine del giorno contro questa chiusura".

Preoccupazioni concrete che hanno motivato Ferrini ad avanzare alcune richieste al primo cittadino: “Credo sia importante informare la cittadinanza su come la Giunta stia affrontando il problema e, in particolare, se è previsto un aumento stabile dell'organico di Polizia Locale entro l'estate. Dal mio punto di vista bisognerebbe intervenire con urgenza per riportare gli agenti a un numero conforme allo standard indicato dalla Legge Regionale. Se necessario occorre trovare il coraggio politico per ritrattare la convenzione con l'Unione dei Comuni del Forlivese o addirittura uscirne per ripristinare il Comando municipale dei vigili, com'era prima del 2014. L'unica cosa da evitare è ignorare la sicurezza dei cittadini mantenendo un'insufficiente numero di forze dell'ordine in paese e creando disservizi in un settore importantissimo per la serenità di tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

Torna su
ForlìToday è in caricamento