Il terremoto politico di Imola ha scosso il Pd: Bonaccini apre per un bis in Regione

Il governatore chiede però che il Pd venga "rifondato", che si facciano subito i congressi a tutti i livelli

Il governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini ha scelto di rompere gli indugi. Dopo la disfatta del Pd e del centrosinistra a Imola, ha annunciato in un'intervista rilasciata all'edizione bolognese di "Repubblica" di essere disponibile a un secondo mandato alla guida della Regione. Il governatore chiede però che il Pd venga "rifondato", che si facciano subito i congressi a tutti i livelli. Commenta il segretario del Partito Democratico dell'Emilia-Romagna, Paolo Calvano: "La disponibilità del Presidente Stefano Bonaccini alla ricandidatura in Regione è un'ottima notizia e offre un punto fermo da cui ripartire anche in Emilia-Romagna, come Pd e come centrosinistra. Bonaccini è una figura che ha dimostrato in questi anni di saper aggregare il centrosinistra riuscendo, nel contempo, a parlare all'intera comunità regionale".

"Credo non ci sia sindaco che si sia sentito escluso dal dialogo e dal confronto con la Regione, a prescindere dal colore politico e questo rappresenta un valore aggiunto perché dimostra una capacità di governo in cui tanti possono sentirsi rappresentati - chiosa Calvano -. La scelta di mettere al centro l'autonomia emiliano-romagnola non in una logica egoistica anzi, con l'intento di rafforzare ancora di più l'Italia; gli investimenti per diffondere e qualificare il lavoro, decisi insieme a imprese e lavoratori e alle loro rappresentanze; il rilancio sulla sanità e sui pronto soccorso nell'ultima parte della legislatura; la decisione di puntare sulla competitività attraverso infrastrutture migliorate nella loro progettazione in questi ultimi anni, possono rappresentare i cardini per il fine legislatura e elementi su cui confrontarsi dentro il Pd e insieme a tutte le forze politiche e civiche con cui condividere un nuovo progetto di governo, potendoci concentrare sulle idee e non sui nomi".

"Nei giorni scorsi ho espresso la necessità di convocare il prima possibile i congressi del Pd, per questo non posso che condividere le parole di Bonaccini rispetto all'urgenza di rilanciare l'azione del nostro partito, a tutti i livelli, attraverso congressi rigenerativi che mettano al centro come parole d'ordine il recupero dell'empatia intesa come capacità della politica di mettersi nei panni dei cittadini e di calarsi nei loro problemi, andando oltre atteggiamenti burocratici e mettendosi al servizio della comunità, ascoltandone le istanze e le preoccupazioni - conclude -. Qualità che molti nostri amministratori hanno e su cui investire, con quello spirito unitario, quella compattezza e quella dialettica corretta e rispettosa che finora ha caratterizzato il Pd dell'Emilia-Romagna e su cui continuare ad impegnarsi".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: 20enne si lancia nel vuoto e perde la vita

  • Tragedia sui binari, muore una 13enne. Traffico ferroviario in tilt: cancellazioni e ritardi

  • Un forlivese taglia il traguardo dell'Ironman 2019 tra i primi cinque

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Si schianta contro un furgone e resta incastrato sotto un'auto: grave un motociclista

Torna su
ForlìToday è in caricamento