Stragi del sabato sera, via libera alla risoluzione del M5S: "Atto in memoria di Alina"

E' quanto rende noto il deputato del MoVimento 5 Stelle Carlo Ugo de Girolamo, membro della commissione Trasporti alla Camera, relatore della risoluzione sulla sicurezza stradale approvata all’unanimità in commissione

''I numeri degli incidenti notturni in Italia sono spaventosi: solo tra ottobre e novembre secondo l’Asaps sono stati registrati 80 sinistri gravi, con 50 vittime e 166 feriti. Coinvolgono per lo più giovani tra i 16 e i 19 anni e l'alcol rimane ancora in maniera persistente uno dei fattori di maggiore rischio''. E' quanto spiega il deputato del MoVimento 5 Stelle Carlo Ugo de Girolamo, membro della commissione Trasporti alla Camera, relatore della risoluzione sulla sicurezza stradale approvata all’unanimità in commissione. 

In commissione non è mancata anche una menzione speciale: "Ho voluto dedicare questo importante atto parlamentare sulla sicurezza stradale alla memoria di Alina Marchetta, giovane ragazza di 26 anni deceduta a Forlì la mattina del 7 aprile scorso, travolta da un'auto 'impazzita' guidata da una giovane sua coetanea che aveva (alle 9 di mattina) un tasso alcolemico di 1,78 grammi per litro. Una tragedia che mi ha scosso profondamente come anche la nostra comunità. E poi alla memoria delle tantissime giovani vittime della strada, perché da legislatori ogni azione che potremo fare per arginare il fenomeno delle 'stragi del sabato sera' dovute all'abuso di alcol, potrà, seppur in minima parte, rendere giustizia al loro sacrificio". 

De Girolamo entra nel dettaglio: "La risoluzione a mia prima firma approvata in commissione impegna il Governo a incentivare l’uso da parte dei giovani, per le fasce notturne e in particolare nei fine settimana, delle varie forme di trasporto pubblico e collettivo: dal trasporto pubblico locale ai taxi passando dal noleggio con conducente. Questa pratica, già sperimentata con successo in molte città, può essere sostenuta destinando parte delle risorse del Fondo contro l'incidentalità notturna istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Affiancandola a un rafforzamento dei controlli su strada, questa misura potrà garantire un sensibile calo degli incidenti, consentendo di risparmiare vite umane e di ridurre i costi sociali e sanitari legati agli incidenti"

“La risoluzione approvata sollecita anche a intervenire sulla segnaletica stradale, spesso non adeguata per la guida nelle ore notturne: segnali usurati e non rifrangenti, piuttosto che illuminazione assente e siamo intenzionati a censire lo stato di visibilità notturna della segnaletica stradale, per assicurarne la sicurezza - prosegue -. Preveniamo nuovi sinistri con interventi adeguati, con un aumento dei controlli davanti i luoghi di ritrovo notturni e delle risorse per l'acquisto di nuovi etilometri. Valutiamo infine l’opportunità di versare parte delle risorse del Fondo contro l'incidentalità notturna anche per il potenziamento delle attività di educazione alla sicurezza stradale, campagne di sensibilizzazione e di formazione per i giovani, con il coinvolgimento delle associazioni delle vittime della strada”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • Giugno 2020 il meno caldo degli ultimi nove anni. Ora il break temporalesco: "Non si escludono fenomeni violenti"

Torna su
ForlìToday è in caricamento