Tassa su sociale e volontariato, marcia indietro del Governo. Di Maio: "Ascoltate le nostre ragioni"

Lo afferma il parlamentare romagnolo Marco Di Maio a proposito dell'annunciata cancellazione della norma inserita dal governo pochi giorni fa in legge di bilancio

"Ho appreso con piacere della clamorosa retromarcia del Presidente Conte sul raddoppio dell’Ires al Terzo Settore. Una tassa che andava a colpire un mondo, quello di chi lavora con gli ultimi, che ha bisogno di avere lo stato dalla propria parte e non certo che vengano raddoppiate le imposte. Ascoltato l'appello di tanti volontari e associazioni, rafforzare da quello rilanciato dal presidente Mattarella a fine anno quando ha parlato di “tassa sulla bontà”. Il Governo ascolta le opposizioni che fin dai primi minuti successivi alla presentazione della norma in legge di bilancio, avevano segnalato il problema e avanzato soluzioni". Lo afferma il parlamentare romagnolo Marco Di Maio a proposito dell'annunciata cancellazione della norma inserita dal governo pochi giorni fa in legge di bilancio che avrebbe raddoppiato l'Ires dal 12 al 24% per tutto il mondo del no-profit.

"Abbiamo proposto di cancellare questo aumento di imposte - prosegue il deputato, da sempre in prima fila sulle tematiche che riguardano il terzo settore - che nei prossimi tre anni chiede al mondo del volontariato e del sociale di pagare 450 milioni di euro in più. Abbiamo proposto di farlo da subito inserendo un comma nel 'decreto semplificazioni' in corso d'esame al Senato".

"Adesso il Governo non torni indietro e cancelli l'aumento non solo per il 2019, ma anche quello previsto per il 2020 e 2021 - avverte il deputato. Sarebbe poco credibile una correzione che valga solo per il 2019, lasciando nell'incertezza gli anni successivi".

Tutto il mondo del terzo settore, poi, attende anche altri atti. "Il governo e la maggioranza devono al più presto dare attuazione ai decreti collegati alla riforma di tutto il comparto - fa notare il deputato -, approvata dal Parlamento nella precedente legislatura: capisco che avevano votato contro alla riforma dicendone di tutti i colori, ma questo ripensamento sarà il meno grave di tutti gli altri compiuti fin qui".

Potrebbe interessarti

  • Sos matrimonio estivo: come vestirsi per essere al top

  • Aperitivi a Forlì: 5 locali per un happy hour all'aria aperta

  • Niente aria condizionata in casa? Ecco 5 consigli per non sentirne troppo la mancanza

  • Sfratto per gli scarafaggi: come allontanarli da casa una volta per tutte

I più letti della settimana

  • Investite su viale Roma: due giovani ferite, una portata con l'elicottero a Cesena in gravi condizioni

  • Liceo Scientifico, una vacanza oltre l'8 per 370 studenti: l'elenco dei bravissimi

  • Arrivano le prime bollette di Alea, ma in molti ancora non vedono il risparmio: ecco i motivi

  • Grave incidente in viale Roma: atterra anche l'elimedica

  • In preda all'alcol litiga con la madre e poi si lancia dalla finestra di casa: è in prognosi riservata

  • Incidente nel pomeriggio sul tratto forlivese dell'A14: lunghi incolonnamenti

Torna su
ForlìToday è in caricamento