Week For Future, la Cgil sostiene la mobilitazione per il clima

In Italia, e anche a Forlì, sono programmate numerose iniziative durante tutta la "settimana del futuro", che culmina il 27 settembre con lo sciopero degli studenti medi e universitari

Questa settimana milioni di persone in tutto il pianeta si stanno mobilitando per il clima nel terzo Global Climate Strike. Una 'Settimana per il futuro', con iniziative volte a fare pressione sul vertice delle Nazioni Unite in programma per il 23 settembre a New York per fare il punto sulla situazione climatica del pianeta e sull'attuazione dell'Accordo di Parigi. In Italia, e anche a Forlì, sono programmate numerose iniziative durante tutta la "settimana del futuro", che culmina il 27 settembre con lo sciopero degli studenti medi e universitari.

Week for future - La mobilitazione in Piazza Ordelaffi - FOTO

"La Cgil ha aderito alla “settimana per il futuro”, con una serie di iniziative, nazionali, regionali e territoriali volte a sensibilizzare la cittadinanza - esordisce il segretario forlivese, Maria Giorgini -. Da lunedì sono in programma assemblee informative e volantinaggi nei luoghi di lavoro sull'emergenza climatica e la lotta per la giustizia climatica che proseguiranno anche dopo la data del 27 settembre. La “settimana per il futuro” è un'occasione per informare e creare consapevolezza fra i lavoratori e le lavoratrici sul tema del cambiamento climatico, sulle drammatiche conseguenze che comporta per il nostro pianeta, sulla necessità di agire rapidamente e in modo radicale".

"La Cgil - chiosa la sindacalista - è sempre stata impegnata nel movimento per la giustizia climatica e continua ad esserlo nell'azione sindacale, nella mobilitazione e nelle alleanze con tutte le realtà, associazioni e movimenti impegnati nella nostra stessa battaglia, lo abbiamo fatto coinvolgendo esperti e associazioni alla Festa Cgil Forlì, lo facciamo oggi aderendo alla settimana di mobilitazione indetta da #FridayforFuture;  lo continueremo a fare con i tanti soggetti che nel territorio da anni stanno lavorando su questo tema".

"Riteniamo dunque che la  terza grande mobilitazione sul Clima prevista per venerdì 27 settembre con lo sciopero degli studenti medi ed universitari, sia l’occasione per far crescere la consapevolezza sui temi ambientali - aggiunge -. La lotta per la giustizia climatica è innanzitutto una battaglia politica, sociale e culturale perché il riscaldamento globale ha gravi contraccolpi sui diritti umani, sulla giustizia sociale, sull'equità all'interno dei paesi, fra paesi e fra diverse generazioni e sul lavoro".

Per Giorgini "è una lotta per la partecipazione, la democrazia e la piena occupazione. Si tratta di una sfida che investe ed investirà necessariamente il lavoro e che si dovrà accompagnare ad un percorso di tutele per garantire una giusta transizione che non scarichi sui lavoratori i costi sociali di queste scelte e nel contempo determini la nascita di nuove opportunità occupazionali.  È una sfida che ci riguarda e che vogliamo affrontare da protagonisti nella consapevolezza che “non esiste un pianeta B”".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva la neve di Santa Lucia, il parere dell'esperto: ecco ci attende nelle prossime 48 ore

  • Doccia fredda sui lavoratori del centro commerciale: "Ridotti ulteriormente i festivi di chiusura"

  • Tra gli amici c'era anche l'orco: violentava una bambina di 11 anni durante le 'rimpatriate' del weekend

  • Ci sono due bellezze di Forlì alla finale di Miss Curvyssima

  • Anziano trovato in mezzo alla strada morto con la sua bici in terra

  • Travolta dal vicino al volante di un furgoncino: ennesima sciagura sulle strade del Forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento