Chirurgia d’urgenza e traumatologia: congresso mondiale al Ceub con 400 esperti

Saranno presenti oltre 400 esperti provenienti da tutto il mondo che si confronteranno sugli aspetti più innovativi relativi alla chirurgia d’urgenza

E’ in programma da mercoledì a sabato al Ceub il quinto Congresso Mondiale di Wse (World Society of Emergency Surgery), uno degli appuntamenti di maggior rilievo fra gli eventi che si svolgono nella struttura universitaria di Bertinoro. Wse è un organismo internazionale a cui aderiscono i massimi esperti in termini di chirurgia d’urgenza di tutto il mondo: fondata nel 2007 e oggi diretta dal presidente Yoram Kluger (Israele), si pone l’obiettivo di promuovere la ricerca e la formazione continua in chirurgia d'urgenza e traumatologia, facilitando lo scambio di informazioni e incoraggiando il networking interdisciplinare con quelle specialità che riguardano il trauma e la chirurgia d'urgenza.

“Sul colle di Bertinoro - spiega Luca Ansaloni, direttore dell'Unità Operativo Chirurgia Generale e d'Urgenza di Cesena Ausl Romagna e presidente del Congresso, insieme a Vanni Agnoletti e Fausto Catena - saranno presenti oltre 400 esperti provenienti da tutto il mondo (di ben 100 ospiti relatori) che si confronteranno sugli aspetti più innovativi relativi alla chirurgia d’urgenza e alla malattie traumatiche. Giovedì e venerdì approfondiremo maggiormente gli aspetti legati alle relazioni sanitarie internazionali, mentre sabato ci concentreremo sulle linee guida proposte da Wse in merito alla chirurgia d’urgenza per le applicazioni in ambito nazionale. Sono molto orgoglioso che questo evento torni in Italia (la prima edizione si svolse a Bologna), dopo le edizioni del 2015 a Gerusalemme e del 2017 a Campinas (Brasile)”.

“E’ per noi motivo di grande soddisfazione – commenta Andrea Bandini, direttore del Centro Universitario di Bertinoro – ospitare eventi di forte rilevanza internazionale in ambito sanitario, non solo per lo spessore scientifico della manifestazione, ma anche perché iniziative del genere, che si fondano sulle relazioni internazionali fra luminari della medicina, rappresentano una concreta speranza per la rinascita e la qualità della vita di persone che hanno subito gravi traumi improvvisi”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento