Ospedali Privati Forlì, nuovi investimenti: a Villa Serena una nuova risonanza magnetica ad altissimo campo

Strumentazioni sempre all’avanguardia per le cliniche del Gruppo Ospedali Privati Forlì: con il nuovo macchinario, massima precisione e definizione nelle scansioni a supporto dell’attività di diagnosi.

Si arricchiscono di nuove dotazioni tecnologiche le strutture del Gruppo Ospedali Privati Forlì, ed in particolare una delle sue eccellenze, la Diagnostica per immagini, che anche quest’anno sta confermando gli ottimi numeri del 2017, quando aveva fatto registrare circa 45mila prestazioni ambulatoriali. Cifre che sono frutto anche della nuova risonanza magnetica ad altissimo campo, installata a Villa Serena, che a fronte di un investimento di 550mila Euro, va ad ampliare un’offerta di strumentazioni all’avanguardia, già particolarmente ricca e che riguarda anche Villa Igea e Villa Orchidee, le altre cliniche del Gruppo.

L’apparecchiatura, da 1,5 Tesla a magnete superconduttivo ultracompatto, è indicata per applicazioni total body e rappresenta lo stato dell’arte del settore grazie ad una capacità di ricezione del segnale estremamente potente. Il sistema, che si basa sull’azione di onde radio e campi magnetici, appunto, è adatto per ogni esigenza di ricerca e di diagnostica in qualsiasi distretto del corpo, in campo neurologico, angiografico, ortopedico (dalla colonna vertebrale fino ai segmenti articolari più complessi), ma anche urologico e senologico. Alla potenza del magnete si aggiunge un’importante evoluzione della componente software e dell’interfaccia, per una visione ottimale dell’immagine ed una completa integrazione con il sistema di elaborazione dati, così da avere una scansione dettagliata e particolarmente nitida.

Macchinario di ultima generazione anche sotto il profilo del design, la nuova risonanza magnetica è caratterizzata da un’elevata ergonomia del lettino e degli accessori per il paziente e da un maggiore comfort, anche per quei soggetti che provano disagio negli spazi chiusi, grazie ad una più intensa luminosità e alla sensazione di una maggiore apertura del sistema. Sensibilmente più attenuate, inoltre, risultano le vibrazioni e gli effetti acustici, così da essere indicata anche per pazienti con esigenze specifiche. L’apparecchiatura è concepita in ottica smart sotto il profilo dell’interazione con l’operatore e del monitoraggio delle prestazioni e vanta una componente digitale assai evoluta pensata per un moderno contesto sanitario, dove si favorisce la massima connessione tra i servizi e gli operatori. La nuova risonanza si aggiunge ad un’altra apparecchiatura specifica per gli esami articolari, e insieme a Radiologia convenzionale, TC, Cone Beam (utile anche per le applicazioni odontoiatriche) ed Ecotomografi (a tecnologia digitale) costituiscono una strumentazione completa, che fa del reparto di Ospedali Privati Forlì un punto di riferimento sul territorio per la diagnostica.

Potrebbe interessarti

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Micosi sulle unghie dei piedi: 5 rimedi naturali

  • Proteggi la tua casa dai ladri: 9 consigli da applicare prima di andare in vacanza

I più letti della settimana

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Con il rombo orgoglioso delle Harley, l'ultimo saluto a Filippo Corvini: "Vivete come lui, col sorriso sul volto"

  • "Una presenza della nostra comunità": Castrocaro piange la giovane Giulia

  • Il dramma di Castrocaro, l'appello della madre: "Chi ha informazioni mi contatti"

  • Vite spezzate nel terribile schianto, comunità romena in lutto: parte la raccolta fondi per i funerali

  • Lui pedala, lei ruba abilmente: la coppia di sposi torna a colpire, ma la Polizia la stana

Torna su
ForlìToday è in caricamento