← Tutte le segnalazioni

Altro

Chiusura della Polstrada, Acri (FI): "Ombra pesante sulla riapertura del Ridolfi"

Redazione

Ho atteso invano due giorni, in attesa di leggere un intervento del neo Presidente confermato alla Regione Emilia Romagna Bonaccini, in merito alla chiusura del Distaccamento della Polstrada di Rocca San Casciano, e invece nulla è pervenuto. Eppure come dimenticare la presenza pressoché costante del candidato Bonaccini nella nostra Romagna e in particolare nei comuni montani, laddove prometteva il massimo impegno per sostenere le già complicate condizioni di vita dei residenti e la fragile economia degli stessi, ciononostante a fronte di un provvedimento evidentemente improvvido, che ha visto una levata di scudi a partire dagli ex sindaci come l’Assessore Rosaria Tassinari, che ha fatto eco alla denuncia dei sindacati di polizia, per proseguire con tutte le Autorità, che hanno sottolineato l’importanza del Distaccamento per il livello sicurezza di un territorio, con un impianto stradale già morfologicamente difficile, reso complicato dalle rilevate fragilità delle infrastrutture e viepiù frequentato da un numero altissimo di utenti, la Regione Emilia Romagna non fatto conoscere la propria opinione sulla vicenda. Ero in realtà interessato alla posizione politica assunta dalla Regione, poiché il taglio di personale che ha coinvolto la Polizia Stradale getta un ombra pesante e inquietante sulla riapertura dell’aeroporto Ridolfi, che proprio sull’incremento del personale della Polizia di Stato impernia la riattivazione. La riflessione che vorremmo condividere con la giunta Regionale, ma prima ancora con il Presidente Bonaccini, che ricordo si è precipitato con l’Assessore uscente a promettere il sostegno alla riapertura dell’aeroporto di Forlì, è quella che appare contradditorio, laddove il Governo centrale fosse davvero interessato alla riapertura dell’aeroporto, proporre una chiusura di un Distaccamento della Polizia Stradale in un nodo nevralgico per il controllo del trasporto su gomma che dovrebbe alimentare il traffico delle merci e dei passeggeri, in accesso e in uscita dalla città di Forlì verso la Toscana, laddove successivamente dovrebbe invece aumentare l’organico degli agenti in servizio per consentire la riattivazione dello scalo forlivese. La questione si presenta delicata e preoccupante. Presidente Bonaccini, attendiamo trepidanti il suo intervento politico.

Raffaele Acri, Responsabile Provinciale Seniores Forza Italia

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
ForlìToday è in caricamento