← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Alea, un cittadino: "Troppo allarmismo. Prima proviamo, poi eventualmente criticheremo"

Dice Paolo nella sua segnalazione: "Sono un cittadino del comune di Forlì e da ben 6 anni eseguo la raccolta porta a porta, pertanto ho una certa esperienza e mi permetto di esprimere un mio parere. La raccolta porta a porta è indispensabile per la riduzione dei rifiuti e per il coretto conferimento di questi ed è l’unico sistema efficace e che rende il cittadino responsabile. I rifiuti sono una risorsa e vanno differenziati bene per il loro riciclo in modo che le aziende li possano utilizzare per risparmiare materie prime. Non dimentichiamoci che i rifiuti sono nostri e derivano da ciò che compriamo, quindi li paghiamo all’acquisto e li ripaghiamo quando li buttiamo. Se vengono smaltiti bene diventano una risorsa per tutti perché l’azienda pubblica Alea, ne trae utili che ricadranno poi sui servizi e sulla bolletta. Invece, l’ncenerimento brucia le materi prime, non crea un utile pubblico e provoca danni alla salute".

"A mio avviso, per quanto riguarda i pannoloni, consiglieri ad Alea di mantenere in ogni quartiere la raccolta stradale in quanto non ho mai osservato all’interno di questi altro materiale. Inoltre secondo me gli incontri sul porta a porta andavano fatti in ogni quartiere e non in grandi strutture in modo che i cittadini potessero comprendere meglio il nuovo sistema. Mi sembra che siano state mosse troppe critiche senza senso e allarmiste, consiglio prima di provare e poi eventualmente criticare e proporre miglioramenti" conclude il cittadino

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

  • Segnalazioni

    Un fungo porcino da record per il "Lupo"

  • Segnalazioni

    Rifiuti fuori dal cassonetto, la situazione in centro storico: la foto

  • Segnalazioni

    Dopo 30 anni si ritrova la 2° A della Scuola Elementare "Melozzo"

  • Segnalazioni

    Ospedale Morgagni, un cittadino infuriato: "Rimbalzato telefonicamente da un ufficio all'altro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento