Regola n.1: conoscerle per evitarle

Piccolo vademecum alla conoscenza dei più comuni esemplari di zanzara delle nostre zone

zanzara - Aedes Caspius

Le zanzare sono una delle più fastidiose controindicazioni estive. Oltre, però, a rimedi e strategie per conviverci e contrastarle, è importante conoscerle. Riproponiamo, quindi, la breve guida del comune di Ravenna che illustra i più comuni esemplari di zanzara presenti nel ravvenate: 

 Aedes Caspius, zanzara rustica presente su territori con zone umide, depone le uova nei terreni umidi che a seguito di eventi naturali quali piogge ed eventi artificiali quali irrigazioni ed allagamenti (chiari da caccia, risaie ecc ) causati dall’uomo, verranno sommerse e quindi schiuderanno. La larva che nasce conduce vita esclusivamente acquatica, attraverso 4 stadi larvali da poi origine alla pupa che a sua volta da origine all’insetto adulto che abbandona la vita acquatica e parte in cerca del pasto di sangue indispensabile per maturare le uova e riprendere il ciclo . Le zanzare di questa specie sono delle ottime volatrici, in grado di spostarsi di molti chilometri in cerca delle prede da pungere, sono particolarmente attive al crepuscolo ed all’alba. La loro puntura è molto pruriginosa e causa notevoli ponfi ed un disagio decisamente alto.

 Culex Pipiens, è la cosiddetta zanzara comune, si è adattata a deporre le uova, che in questo caso sono raggruppate in barchette galleggianti, nelle acque degli scarichi anche notevolmente inquinate. Tali uova schiudono dopo circa 24 ore dalla deposizione .Anche in questo caso la larva che nasce conduce vita esclusivamente acquatica, attraverso 4 stadi larvali da poi origine alla pupa che a sua volta da origine all’insetto adulto che abbandona la vita acquatica e parte in cerca del pasto di sangue indispensabile per maturare le uova e riprendere il ciclo. Questa specie da origine a continue generazioni nel corso dalla stagione estiva.
 Le zanzare di questa specie sono delle volatrici di media capacità e si spostano fino a 500/1000 metri dal focolaio dove sono nate . Pungono solamente nelle ore notturne e la loro puntura crea un disagio decisamente basso.

Aedes Albopictus, è la ormai tristemente famosa Zanzara Tigre, assomma tutte le caratteristiche dannose delle due specie prima descritte. Depone le uova solo nelle piccole raccolte di acqua attorno alle abitazioni quali pozzetti dell’acqua piovana ed ogni altro piccolo contenitore con acqua lasciato nei cortili . Tali uova schiudono in breve tempo dando origine al ciclo larvale descritto  per le altre specie e che si ripete con generazioni continue per tutta la buona stagione.  La zanzara che emerge è molto aggressiva , punge durante tutto il giorno causando ponfi molto pruriginosi, è una scarsa volatrice e quindi si sposta di poco da dove è nata, in genere 300/400 metri, crea un disagio decisamente alto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
ForlìToday è in caricamento