La passione vince sulla tintarella: bagno di folla per il primo saluto alla Pieffe 2.015

C’erano oltre trecento persone per salutare la squadra di Sandro Dell’Agnello, con i colori biancorossi addosso e con il cellulare pronto a fare foto e video

Quando si dice, la passione. Ore 18 di una domenica di fine agosto, quando si può essere in spiaggia o godersi le vacanze, e invece si fa una scelta. E la scelta è essere presenti al centro commerciale Punta di Ferro, davanti al punto vendita Unieuro per la presentazione e il primo saluto ai ragazzi che quest’anno vestiranno la maglia della Pallacanestro 2.015. C’erano oltre trecento persone per salutare la squadra di Sandro Dell’Agnello, con i colori biancorossi addosso e con il cellulare pronto a fare foto e video. I ragazzi del roster sono sfilati uno dopo l’altro, hanno salutato il pubblico e si sono messi a disposizione per selfie e chiacchiere, nel primo grande abbraccio stagionale.

La giornata era cominciata con la conferenza stampa di inizio stagione, e con le prime parole del presidente, Giancarlo Nicosanti: "L’obiettivo è migliorare l’anno scorso e divertici ancora di più: stiamo offrendo uno spettacolo importante, e insieme ai tifosi meritiamo una stagione lunga e che vada avanti anche oltre il mese di aprile. È da troppo tempo che non giochiamo, c’è tanta voglia di cominciare e aspettiamo con ansia le prime amichevoli".

Il desiderio è quello di vivere una stagione lunga, e la squadra è stata allestita con questo obiettivo. A confermarlo, il GM Renato Pasquali: “Abbiamo aggiunto esperienza rispetto allo scorso anno, abbiamo alzato il livello dell’atletismo e non dimentichiamoci dei giovani che abbiamo inserito nel roster che ci permetteranno ad alzare la competizione dell’allenamento quotidiano. Tutte queste cose ci serviranno per rimanere nella parte alta della classifica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ambizione ed umiltà, devono essere le parole chiave di quest’anno, e a sottolinearlo è coach Sandro Dell’Agnello: “Dobbiamo cancellare la presunzione. Vogliamo essere competitivi con tutti e la squadra è stata costruita proprio per questo. In più abbiamo due punti di forza non indifferenti: il primo è che giochiamo a Forlì, che è una città di grande passione e con una grande spinta da parte dei tifosi all’Unieuro Arena. In più siamo in una Società giovane ed ambiziosa e formata da persone serie, e questo è un aspetto che va sicuramente a nostro favore". Si parte, dunque. Con il desiderio e l’ambizione che la stagione sia il più lunga possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento