Magia Dovizioso: sorpasso chirurgico, battuto Marquez in Austria

Completa il podio Fabio Quartararo, che, con la sua Yamaha del team Petronas, ha messo in fila gli ufficiali Valentino Rossi è Maverick Vinales

Il Red Bull Ring resta feudo della Ducati. Un poker iniziato dal 2016. Marc Marquez ci ha provato a rompere il dominio rosso, ma un meraviglioso Andrea Dovizioso ha battuto lo spagnolo con un colpo da Mike Tyson. Marquez è sempre saldamente in testa al campionato con 58 punti di vantaggio, ma il sorpasso di Dovizioso all'ultimo giro è qualcosa di magico. Misurato e preciso, un gesto tecnico pregevole e di altissimo livello che ha sorpreso un Marquez forse già in odore di vittoria. Da campione. Da vedere e rivedere più volte. Lo 04 è tornato sul gradino più alto del podio dal quale mancava dalla prova d'apertura del Qatar. "Sembrava impossibile, ma ci ho provato - commenta dopo la 14esima vittoria nella top class, la 23esima nel Motomondiale -. Se arrivavo troppo lungo sarei giunto secondo, ma mi sono sentito forte. Ho fatto qualcosa da pazzo e sono molto contento. Dedico questa vittoria a Luca Semprini (l'addetto stampa Duvati morto la scorsa settimana a Brno, ndr)". Dal 2017 Marquez e Dovizioso hanno sette duelli al fulmicotone: risultato di 5 a 1 per il forlivese. Completa il podio Fabio Quartararo, che, con la sua Yamaha del team Petronas, ha messo in fila gli ufficiali Valentino Rossi è Maverick Vinales. Settimo un grande "Pecco" Bagnaia con la Ducati Pramac; nono Danilo Petrucci a precedere Franco Morbidelli (Yamaha Petronas).

LA GARA - Fuochi d'artificio sin dal via, con gran bagarre tra Dovizioso (gomma soft al posteriore) e Marquez (media) e Quartararo ad approfittarne per prendere il comando. Ottimo spunto di Rossi, a chiudere il gruppo dei primi cinque con Miller. A 23 giri dalla fine Dovizioso prima e Marquez poi fulminano Quartararo e iniziano il duello per la vittoria, con uno stupendo corpo a corpo. Mentre DesmoDovi mette pressione al 93, Miller esce di scena e Rossi comincia a marcare stretto la Yamaha gemella del francese. Marquez alza il ritmo e prova a fare la differenza, ma la Ducati 04 non molla. È un braccio di ferro cronometrico, mentre si alza il passo di Rossi che perde dal mirino Quartararo. A nove giri dalla fine Dovi rompe gli indugi e si mette in testa, ma Marquez gli resta francobollato. A tre giri dalla fine inizia la battaglia finale, con sorpassi e controsorpassi. L'ultimo giro è una magia di Dovizioso, un remake del 2017: cattivo e pulito passa il 93 ed è apoteosi. La curva 10 porta il nome di Andrea Dovizioso. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

Torna su
ForlìToday è in caricamento