Decreto Rilancio, Molea (Aics): "Bene il fondo salva sport. Ma troppe incertezze sulla ripartenza"

Il presidente dell’Associazione Italiana Cultura Sport: “A due giorni dalla scadenza della prima parte di Fase2, non sappiamo ancora chi e come potrà ripartire.

"Bene le nuove misure di sostegno per lo sport e per il sociale previste nel Decreto Rilancio come il Fondo Salva Sport e l’estensione agli enti del Terzo Settore di molte delle misure già previste per le imprese, ma sulla ripresa e l’arrivo dei fondi c’è ancora troppa incertezza sui tempi: ora serve celerità e chiarezza per permettere alle associazioni sportive e culturali del Paese di ripartire con meno paura". Così il presidente dell’Associazione Italiana Cultura Sport Bruno Molea commenta il decreto Rilancio annunciato dal Governo e le ultime anticipazioni fornite dal ministro allo sport Spadafora sulla ripresa delle attività di centri sportivi e palestre.

"Se davvero fosse possibile riprendere ogni genere di attività dal 25 maggio, sarebbe finalmente un raggio di sole in questa notte lunghissima - commenta Molea -, ma restano ancora tante incognite sia per il mondo sportivo che per quello dell’associazionismo sociale e culturale: mancano i protocolli di sicurezza per la riapertura dei centri sportivi e di quelli sociali e culturali, ma ancor di più mancano certezze sui tempi di erogazione dei finanziamenti e questo è tremendo per chi legge delle risorse a disposizione già da settimane ma non ne vede l’effettiva erogazione".

Il riferimento è, ad esempio, ai mutui light previsti per associazioni e società sportive. “Il Credito sportivo ha fatto tutto quanto era in suo potere per rendere la piattaforma operativa e per darci risposte effettive su come richiedere i finanziamenti, ma ancora ad oggi manca la definizione dell’iter formale del decreto - precisa Molea -. Capiamo molto bene i tempi burocratici, ma si deve anche capire che per imprese sociali e associazioni non c’è davvero più tempo da perdere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bene quanto previsto dall’ultimo decreto sugli affitti degli impianti sportivi, sia al pubblico che ai privati - aggiunge il presidente di Aics -, ma ora è bene velocizzare le pratiche sui protocolli di sicurezza, “o associazioni e imprese non avranno tempo per adeguare le proprie strutture che anche questi scampoli di maggio andranno perduti senza risorse e senza attività sportive da proporre". "Credo - chiosa Molea - che questo governo abbia fatto tanto nell’attenzione allo sport sociale, ma ora è bene che la macchina operativa acceleri per dare la possibilità ai settori sia sportivo che culturale di accedere in tempi brevi a tutte le misure previste o, varato il nuovo decreto, non saranno ancora a disposizione i sostegni previsti dal vecchio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso arresto cardiaco spezza la vita ad un giovane di 26 anni

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Meldola, si lancia nel vuoto e perde la vita: nuova tragedia al ponte dei Veneziani

  • Mentre lavora il giardino di casa la terra restituisce bombe a mano e proiettili: strada chiusa a pochi passi dal centro

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Il primo giorno dei bar: "Poca gente e chiedono il permesso per entrare. Ma chi entra consuma dentro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento