FulgorLibertas, comincia l’era di “Cedro” Galli

Il vice di Dell'Agnello passa al timone di comando. Intanto, sottotraccia ecco i primi movimenti di mercato: si punta tutto sulla conferma di Natali, Musso e Borsato; piace pure Rosignoli.

Nel solco della continuità. Va sul sicuro, su un tecnico stimato e “sperimentato”, la FulgorLibertas. La stagione che tutti vorrebbero esser quella del “poveri ma belli”, vedrà in panca – come ampiamente previsto – Massimo “Cedro” Galli. Passa dunque al vice di Sandro Dell’Agnello, la barra di comando biancorossa. Esordio ufficiale il prossimo 19 agosto con il primo raduno. Ad affiancare il tecnico varesino classe 1960, ci saranno con ogni probabilità Antonio Giannetti e, come preparatore atletico, Carlo Marani. Questi ultimi due tasselli saranno però ufficializzati entro fine della prossima settimana.

Settimana che si annuncia cruciale: oltre a una nuova seduta del Consiglio Direttivo convocato per decidere le cariche societarie (ossificata l’ormai semestrale questione del dimissionario presidente, Giorgio Grazioso, ci sarà da rimpiazzare anche l’Amministratore unico dato che Erio Masoni è in scadenza e non intenzionato a riproporsi), sono attese risposte dal tridente di player che l’FL vorrebbe trattenere ovvero Nicola Natali, Bernardo Musso e Stefano Borsato.

“Avere tre sì sarebbe gran cosa – chiosa Stefano Benzoni, portavoce FL – ma non sarà semplice. I ragazzi hanno accettato il piano di rientro delle pendenze, il punto è quanto offriamo, cifre sulle quali non è possibile trattare. Idee in alternativa ne abbiamo, vedremo. Certo gli stranieri saranno l’ultimo nodo da sciogliere”. Di tre assi facile ne resti uno solo essendo tutti oggetto di mercato. “Intanto abbiamo sistemato la casella del coach – continua Benzoni – che sono molto felice sia occupata da Massimo: una persona che ho imparato ad apprezzare l’anno scorso, un ottimo allenatore, un grande esperto di prospetti. Se in campo vedremo solo la metà della sua passione allora la prospettiva sarà rosea”.   

“Allenare ragazzi come Musso, Borsato e Natali è motivante, riescono a trasmettere quell’energia emotiva che dovrà esser la chiave della nostra stagione; perché ci attende una grande sfida: accendere la passione del pubblico più bello d’Italia” dichiara il neo head coach, Massimo Galli. Una vita ad allenare, dalle giovanili (a Rimini nel 2003 è sia vice sia responsabile del settore giovanile), ai team senior (Varese Campus e Robur, Bisceglie) passando per le panche “in seconda” (tra cui quella nella nazionale femminile nel 2011-12, Varese, Biella, Rimini) lo stile di Galli è chiaro: “Prima degli obiettivi in campo contano quelli del cervello e del cuore; i miei ragazzi dovranno incarnare tre concetti, tre caratteristiche: altruismo, ambizione, appartenenza a questa città”. Insomma, il cuore oltre l’ostacolo. Per questo i giocatori arruolati saranno a dir poco arrembanti. “La squadra – conclude Galli – sarà simile a quella della seconda metà della scorsa stagione: veloce, attenta. Cerchiamo Under da rotazione, ragazzi pronti a giocare anche nell’under 19, possibilmente da sviluppare e far crescere a Forlì. Tipo Tessitori? Tessitori è il top, non è facile arrivare ad atleti così. Ripeto: dove avremo lacune tecnico, sarà la grinta e la passione a sopperire. Il nostro pubblico saprà riconoscere l’impegno e premiarci con l’entusiasmo che sa dare. E’ una sfida, lo so ma mi esalta”.

Mercato. C’è molta Pesaro nell’orizzonte forlivese. Mentre alcune voci riportate dal sito ForliBasket danno Nicola Natali solleticato dalla chance di fare l’A1 su sponde marchigiane (il ”Sindaco” comunque piace a mezza Italia, Verona in testa), un altro “forlivese” nel cuore, Miroslav Todic, potrebbe virare verso la Victoria Libertas di coach Dell’Agnello. Come detto Forlì sta provando tutte le carte per trattenere Natali, prima fra tutte quella della passione della piazza ma non sarà facile centrare l’obiettivo. Le possibilità di rivedere in biancorosso Musso o Stefano Borsato non si discostano molto: l’argentino ha dimostrato di valere tutta la L2 mentre “Batman” è una sicurezza appetibile (Jesi ha già fatto un’offerta vera). Primo colpo nuovo in entrata potrebbe essere invece Stefano Rosignoli. Il lungo varesino classe ’88 è reduce da una solida stagione a Scafati, società che ha scambiato il titolo con Trapani e che vorrebbe ripartire dalla DNB proprio da Rosignoli. Alternativa molto difficile per costi l’esperto maceratese, Simone Flamini, dal 2009 a Pesaro.

Potrebbe interessarti

  • Sos matrimonio estivo: come vestirsi per essere al top

  • Aperitivi a Forlì: 5 locali per un happy hour all'aria aperta

  • Niente aria condizionata in casa? Ecco 5 consigli per non sentirne troppo la mancanza

  • Sfratto per gli scarafaggi: come allontanarli da casa una volta per tutte

I più letti della settimana

  • Investite su viale Roma: due giovani ferite, una portata con l'elicottero a Cesena in gravi condizioni

  • Liceo Scientifico, una vacanza oltre l'8 per 370 studenti: l'elenco dei bravissimi

  • Arrivano le prime bollette di Alea, ma in molti ancora non vedono il risparmio: ecco i motivi

  • Grave incidente in viale Roma: atterra anche l'elimedica

  • In preda all'alcol litiga con la madre e poi si lancia dalla finestra di casa: è in prognosi riservata

  • Incidente nel pomeriggio sul tratto forlivese dell'A14: lunghi incolonnamenti

Torna su
ForlìToday è in caricamento