Giachetti a rischio contro San Severo: "Obiettivo continuità. Rush? Non è ancora al top"

La ricerca della continuità è il primo obiettivo di Forlì, che dovrà anche saper soffrire: "Ci serve continuità, è una parola che ripetiamo all’ossessione ma è la vera chiave di questo inizio di campionato"

"Di neo-promosso ha ben poco"  Coach Sandro Dell'Agnello ha fotografa così San Severo, prossima avversaria dell’Unieuro. Nel match in programma domenica alle 18 al PalaFiera, i biancorossi rischiano di fare a meno del proprio capitano Jacopo Giachetti, che, da quanto dichiarato dal coach sabato pomeriggio in conferenza stampa “ha preso un colpo alla coscia”. Dell’Agnello lancia subito l’allarme: "La settimana è stata positiva, abbiamo solo un problema con Giachetti che è fermo perché ha preso un colpo alla coscia nell’allenamento di mercoledì. Speriamo domenica di metterlo in campo. È stato sottoposto alle sapienti cure del nostro staff".

I pugliesi, a punteggio pieni dopo due giornate, sono un avversario che non va in alcun modo sottovalutato: “San Severo potremmo falsamente pensarla una neopromossa come mi è già capitato di dire, perché hanno tre giocatori che hanno fatto l’A1, ovvero Spanghero, Demps e Kennedy. Poi ci sono altri giocatori come Mortellaro e Saccaggi che giocano in A2 da dieci anni, quindi di neopromosso hanno ben poco. La squadra è composta sia da buoni tiratori (Spanghero, Saccaggi e Demps), che da un ottimo punto di riferimento come Kennedy, ottimo nell’1 vs 1. Arrivano da due vittorie al fotofinish, hanno grande morale e fiducia”.

La ricerca della continuità è il primo obiettivo di Forlì, che dovrà anche saper soffrire: "Ci serve continuità. È una parola che ripetiamo all’ossessione, ma è la vera chiave di questo inizio di campionato. A Orzinuovi ne abbiamo avuta molta nella seconda parte della partita come nella prima, però alla fine è stata una vittoria autoritaria, autorevole ed importante. La strada che abbiamo preso è quella maestra, dobbiamo eliminare questi sbalzi in basso che ogni tanto abbiamo e che ci possono costare caro come a tutte le squadre: guardate Milano che va a vincere a Panathinaikos e poi perde in casa con Brindisi". "La nostra intenzione è ruotare molto i nostri giocatori perché pensiamo di poterlo fare, è ovvio che non tutti possano dare lo stesso apporto in campo perché il valore è diverso l’uno dall’altro - prosegue -. Sicuramente è importante ‘soffrire’ un pochino nella prima parte di gara, con rotazioni un po’ più esasperate per poi essere più pronti nel finale, questo è un concetto importante”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coach Dell’Agnello chiude poi con un appunto su Erik Rush: "E' fondamentale e ci può essere utile in molte cose. Nelle due settimane precedenti si è allenato 3/4 volte per il ginocchio, ad Orzinuovi si è ritrovato con due falli fischiati subito e si è un po’ scoraggiato. I compagni hanno fatto poi bene e lui si è trovato un po’ ai margini della partita. Non è ancora al top ma sta meglio fisicamente, si è allenato sempre questa settimana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

  • Doveva chiudere e invece rilancia: in via Balzella arriva una nuova catena non presente a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento