Irst, Sportur e Eataly insieme alla Granfondo Selle Italia di Cervia

Nell’ambito del progetto di Sportur “HQ_LIFESTYLE” nasce una nuova collaborazione speciale con Eataly. Prima tappa sportiva la 19aGranfondo Selle Italia "Via del Sale" del prossimo 12 aprile a Cervia con una speciale pedalata Gourmet

“Gli animali si nutrono, l'uomo mangia, solo l'uomo intelligente sa mangiare”. L’aforisma del gastronomo francese Jean Anthelme Brillat-Savarin racchiude i segni distintivi del tema scelto da Sportur per la diciannovesima edizione della Granfondo Selle Italia Via del Sale, del prossimo 12 Aprile a Cervia, Fantini Club: “cibo per lo sport, cibo per la vita”.

Negli ultimi tempi è sempre maggiore l’attenzione che si dedica a cibo ed alimentazione. Basti pensare ad Expo 2015. A seguito anche della crescente incidenza delle malattie legate alla cattiva nutrizione e all’aumento dell’obesità infantile nei paesi industrializzati – problematiche che stanno provocando un vero e proprio allarme sanitario e sociale – il tema dell’alimentazione interessa e coinvolge sempre di più la maggior parte della popolazione.

Sportur e Fantini Club, realtà che operano da decenni nel settore dello sport e della vacanza sportiva, da tempo hanno lanciato il progetto HQ Lifestyle, dove HQ sta per HIGH QUALITY:  un’alimentazione consapevole, genuina e bilanciata, abbinata ad una regolare attività fisica, al giusto relax e ad un sano divertimento, come chiavi per vivere al meglio, in piena forma.

Primo appuntamento dell’anno sarà la Granfondo Via del Sale, che ha scelto “Foodstyle: cibo per lo sport… cibo per la vita” come tema della sua edizione 2015. Bicicletta, salute e buona alimentazione si uniscono così in un perfetto connubio all’insegna dello stile di vita sano e, per la prima volta, entra in pista nella manifestazione una squadra molto speciale con Eataly World che consentirà al percorso gourmet di vestire il pettorale del marchio “Fico” (Fabbrica Italiana Contadina).

Così se la Granfondo Selle Italia “Via del Sale” si prepara a regalare emozioni forti ai corridori, con le sue salite e le sue cime, “gemellata” a un progetto di ricerca oncologico portato avanti dall’Istituto Tumori della Romagna - IRST come buona causa, ecco una pedalata ciclo-gastronomica dedicata a chi vuole vivere la bicicletta come mezzo per rilassarsi, godendo il bellissimo panorama ed il buon cibo che la terra di Romagna regala. Poco meno di 40 chilometri interamente pianeggianti, affrontabili in tutta tranquillità anche dai meno atletici con qualsiasi tipo di bicicletta, con cinque soste gourmet dove degustare i prodotti del territorio.

A presentare il ricchissimo fine settimana, si è tenuta mercoledì presso Eataly Bologna, un'affollata  conferenza stampa alla presenza degli organizzatori, del Responsabile nazionale ciclismo Acsi, Emiliano Borgna, dei vertici della nota catena di distribuzione, della Regione Emilia-Romagna e dell'IRST IRCCS. 

“E' un piacere – ha esordito Tiziana Primori, Amministratore delegato Eataly Bologna – poter ospitare in un luogo simbolo per Bologna un evento così romagnolo, oltretutto legato ad un progetto di Fantini, personaggio in grado di reinventare il concetto di “mare”. Per la prima volta, inoltre, la gara vedrà un inserto gourmet Eataly con il tour marcato Fico.”

Claudio Fantini, patron Sportur, dopo aver illustrato le numerose iniziative a corollario della Granfondo ha evidenziato il lato benefico dell'evento, in particolare il sostegno – giunto al secondo  anno – a IRST e alle sue attività di ricerca. Descritta dal suo ideatore, Giovanni Paganelli, Direttore della Medicina Nucleare IRST, la IART (acronimo di Intraoperative Avidination for Radionuclide Treatment) indica una nuova tecnica per la cura dei tumori alla mammella (oggi prima causa di decesso tra le donne affette da neoplasia). Unendo le caratteristiche di alcune proteine con quelle degli isotopi radioattivi (farmaci prodotti dall’Officina Radiofarmaceutica dell’IRST) la IART potrà permettere di ridurre drasticamente ma con uguale efficacia, il numero di sedute di radioterapia post intervento chirurgico. Il grande vantaggio della nuova metodica, sotto il profilo della qualità di vita e della sostenibilità economica per il sistema sanitario, risiede nel poter essere eseguita in regime ambulatoriale. A oggi la IART è stata eseguita in associazione a una radioterapia esterna ridotta, con risultati positivi. “Il passaggio successivo – ha evidenziato Paganelli – prevede di confrontare la nuova tecnica con quelle attualmente in uso e su molte più pazienti. Se i risultati risponderanno alle attese, la IART potrebbe essere un’alternativa davvero innovativa alle cure tradizionali, rappresentare il naturale proseguimento nel cammino di sviluppo di terapie sempre più efficaci e meno invasive avviato con la messa a punto della metodica del linfonodo sentinella e il conseguente stop alle resezioni totali.

“Abbiamo occasione oggi di affrontare una questione importante –  ha aggiunto il prof. Dino Amadori, Direttore scientifico IRST –: il cibo e l'attività fisica come strumenti di prevenzione primaria e puntelli terapeutici. E', infatti, assodato che su 100 nuovi casi di tumore 35 hanno origine da una cattiva alimentazione. Mangiar bene non solo contribuisce ad evitare le malattie cardiovascolari, dunque. Recentemente sono emersi studi sull'ereditarietà dell'obesità, ma non solo: è assodato che l'alimentazione e una vita non sedentaria aiutino nel percorso di guarigione.  Per questo in IRST creeremo un'Unità Operativa di Medicina complementare per indirizzare i nostri pazienti verso stili di vita sani. Il cibo e l'attività fisica sono strumenti per prevenire e controllare la malattia.”

A chiudere gli interventi, il saluto di Andrea Corsini, Assessore al Turismo e Commercio Regione Emilia-Romagna: “E' bello presenziare a iniziative capaci di riunire salute, innovazione, cultura, gastronomia. La nostra Regione è un'eccellenza in tutti questi settori; a riunirli, simbolicamente, la Via Emilia, vera arteria e  nuovo brand su cui vogliamo puntare.”

La pedalata gourmet non sarà la sola iniziativa dedicata al Foodstyle. Il tema sarà, infatti, ampiamente discusso durante un incontro con medici ed esperti che si terrà al Fantini Club sabato 11 aprile alle ore 11:00. Mentre nel pomeriggio sarà la volta dei più giovani, che potranno cimentarsi nella “Pedalata dei piccoli atleti”.

Accanto ad un equilibrato stile di vita si posiziona, inevitabilmente, il tema della salute e per questo motivo la gara sosterrà, anche quest’anno un importante studio legato soprattutto alla salute della donna ovvero la IART, una nuova metodica sperimentale ideata dal Prof. Giovanni Paganelli, Direttore della Medicina Nucleare IRST IRCCS, per il trattamento post-operatorio dei tumori al seno.

IART (acronimo di Intraoperative Avidination for Radionuclide Treatment) indica una nuova tecnica che, in abbinamento all'intervento chirurgico, unendo le caratteristiche di alcune proteine con quelle degli isotopi, potrà permettere di ridurre drasticamente ma con uguale efficacia le sedute di radioterapia che normalmente richiedono lunghi periodi. Il grande vantaggio di questa metodica risiede nel poter essere eseguita in regime ambulatoriale, in qualsiasi unità di Medicina Nucleare, persino lontano dal centro chirurgico, con minimo disagio per la paziente. A oggi la IART è stata eseguita in associazione a una radioterapia esterna ridotta, con risultati positivi. Il passaggio successivo – cui saranno indirizzati i finanziamenti raccolti con l’iniziativa Granfondo Selle Italia “Via del Sale” – prevede di confrontare su più pazienti la nuova tecnica con quelle attualmente in uso. Se i risultati risponderanno alle attese, la IART potrebbe rappresentare un’alternativa alla radioterapia intraoperatoria ed essere uno strumento di integrazione per la radioterapia esterna convenzionale. Per finanziare la ricerca gli organizzatori mettono a disposizione sul sito www.granfondoselleitalia.com  duecento pettorali speciali a prezzo maggiorato che consentono di partire in griglia blu, in griglia rossa onore, oppure davanti a tutti in griglia Vip. Ad impreziosire ulteriormente la connotazione benefica della manifestazione sarà anche una speciale Serata Charity, in programma venerdì 10 aprile, a cui parteciperanno numerosi volti noti del mondo dello sport e del giornalismo tra cui Daniela Vergara e il campione di nuoto, Fabio Scozzoli. La serata, aperta al pubblico, si aprirà con aperitivo e cena dalle ore 20.30. Per info e prenotazioni: urp@irst.emr.it o 0543/739247.

La gara e il programma dell’evento

L’edizione 2015 della Granfondo Selle Italia ‘Via del Sale’ riconferma i percorsi della scorsa edizione (lungo 150 km, medio 107 Km, corto 77 Km, gourmet 40 km), e la speciale sfida sulla mitica Cima di Pantani, a Montevecchio. Una sfida aperta a tutti, perchè saranno premiati tutti i ciclisti che affronteranno la salita nel tempo massimo di 20 minuti, senza scendere al di sotto del tempo minimo di 19 minuti. Ed è confermata anche l’apprezzata location del Fantini Club, sulla spiaggia di Cervia, per un’edizione High Quality  con tantissime novità sia per i ciclisti che per gli accompagnatori, tutte all’insegna dell’alta qualità. Con oltre cento aziende tecniche, l’area espositiva della Granfondo ‘Via del Sale’, è la più grande fiera all’aperto d’Italia, interamente dedicata al mondo della bici, dove da venerdì a domenica, il pubblico dei granfondisti potrà trovare tutte le ultime novità del settore (senza biglietto di ingresso). 

Dal 10 al 12 aprile     EXPÒ
10 aprile ore 20:30    CENA DI GALA CHARITY  c/o Sportur Club hotel
11 aprile ore 10.30     CONVEGNO Foodstyle: cibo per lo sport..Cibo per la vita
11 aprile ore 15:30     PEDALATA DEI PICCOLI 
11 aprile ore 16:00    CONFERENZA ‘ALIMENTAZIONE E INTEGRAZIONE NEL CICLISMO’
11 aprile ore 17:30    GARA A CRONOMETRO JETMAN SPRINT
11 e 12 aprile        GIMCANA BIMBI
11 aprile ore 17:30    CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE 19° GRANFONDO 
12 aprile ore 8:00    19° GRANFONDO SELLE ITALIA ‘VIA DEL SALE’
e ‘ANTICA VIA DEL SALE’ - GRANFONDO CON BICI D’EPOCA
12 aprile ore 10:00    PERCORSO GOURMET

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento