Lega Pro, lotta salvezza. Per il Forlì si fa dura: "Momento delicato da gestire"

"È stata una partita equilibrata, almeno fino all'espulsione di Adobati - analizza l'allenatore -. Potremmo parlare del rigore, ma non serve a niente"

"La lotta si fa dura. Siamo costretti a giocarci la salvezza con squadre che come blasone e budget sono superiori al nostro". Così mister Massimo Gadda dopo il ko subìto domenica sera nel derby di Santarcangelo. "È stata una partita equilibrata, almeno fino all’espulsione di Adobati - analizza l'allenatore -. Potremmo parlare del rigore, ma non serve a niente. L’ho rivisto, era fuori area e probabilmente non era neanche fallo. Gli episodi a volte vanno bene a volte vanno male".

Il rigore assegnato ai padroni di casa al 40’ ha cambiato l’inerzia della gara: “Era comunque una partita difficile, loro in casa hanno vinto molte partite e sconfitto squadre forti come Bassano e Pordenone. Hanno lasciato poco agli avversari. Poi è chiaro che un episodio così a cinque minuti dalla fine del primo tempo ha cambiato l’inerzia dell’incontro, ma potevamo ancora rimediare”. 

A venti minuti dalla fine i Galletti sono rimasti in inferiorità numerica per l’espulsione di Adobati: “Ha fatto un fallo di gioco, era già ammonito e ci sta la seconda ammonizione. È un peccato perché  abbiamo perso un giocatore quando ancora la partita poteva essere riaperta. Succi era già pronto per entrare, ho dovuto rinunciare a lui per dare equilibrio alla squadra”.

Negli undici iniziale, complice anche qualche assenza per infortuni e squalifiche, ci sono state delle novità, come Vesi, Tonelli e Piccoli: “Si va verso la fine del campionato, avere delle forze fresche è importante. Tonelli largo a destra è stata una scelta tattica per affrontare al meglio gli avversari e credo che abbia funzionato perché da quella parte non abbiamo sofferto molto. Potevamo cercarlo di più, perché lui ha un buon dribbling e un ottimo tiro, ma a livello tattico è stato utile. Mancando Cammaroto e Conson abbiamo pensato di giocare un po’ più stretti in difesa con Carini, Vesi e Adobati, per limitare gli attacchi di Cori. Vesi e Piccoli, nonostante il risultato, hanno fatto una buona partita”.

Domenica prossima allo Stadio Morgagni i biancorossi affronteranno il Fano: "Le partite da ora in avanti  sono tutte difficili, la lotta si fa dura. Siamo costretti a giocarci la salvezza con squadre che come blasone e budget sono superiori a Forlì. È un momento delicato, da gestire. Guardiamo una partita alla volta". 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Al posto della "Vecchia Forlì" arriva in centro l’alta cucina cinese: in inverno aprirà il "Giardino Wu"

    • Cronaca

      Cibo di strada, grigliate, musica, stelle, teatro e cinema: ecco "Piazze d’estate 2017"

    • Cronaca

      Rapina un anziano bloccato in un letto e spartisce il bottino con la badante amica

    • Incidenti stradali

      Travolto da un'auto in viale Roma: il soldato non è in pericolo di vita

    I più letti della settimana

    • MotoGp, bagno di folla per Andrea Dovizioso nel paddock della Superbike a Misano

    • Il Forlì riparte dalla D: "Sarà un anno di transizione. In settimana il nuovo allenatore"

    • Serie D, il Forlì ufficializza il ritorno di mister Attilio Bardi

    • Idee chiare, rispetto dei ruoli, piglio deciso: la Pallacanestro Forlì 2.015 presenta il suo neo general manager, Renato Pasquali

    • Forlì, Habemus GM: Renato Pasquali ufficiale alla guida della Pallacanestro 2.015

    • La Nazionale italiana sbandieratori in trasferta in Repubblica Ceca

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento