giovedì, 24 aprile 19℃

Forlì piange il suo campione: "Lascia un vuoto enorme"

"Qualsiasi parola non può descrivere l'accaduto, ed il vuoto, enorme, che lascia la morte di Vigor. Oltre il campione, è stato l'uomo a conquistare, anche a Forlì, tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo"

Redazione25 marzo 2012
3

"Qualsiasi parola non può descrivere l'accaduto, ed il vuoto, enorme, che lascia la morte di Vigor Bovolenta. Oltre il campione, è stato l'uomo a conquistare, anche a Forlì, tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, e che ora lo piangono, ancora increduli". La volley Forlì piange il suo campione, morto alle 00.40 di domenica dopo essere stato colpito da un malore. "La sua grandissima umanità era ciò che più colpiva, immediatamente. E questo è ciò che più manca adesso, nelle ore immediatamente successive alla sua scomparsa, e che mancherà ancora molto, molto a lungo".

A metà del terzo parziale, sul campo della Lube Macerata, sabato sera, il giocatore ha avvertito un malore ed ha chiesto immediatamente il cambio al tecnico. In panchina, Vigor non è mai arrivato, accasciandosi al suolo, a metà campo, dove ha subito ricevuto le prime cure. Trasportato d'urgenza all'ospedale di Macerata, è stato sottoposto a diversi tentativi di rianimazione per oltre un'ora. Con lui, in ospedale, il dirigente accompagnatore Fabio Fornasari. Più tardi, sono arrivati a Macerata anche il presidente, l'architetto Giovanni Gavelli, e Gilberto Marchi, che insieme a tutta la squadra hanno portato il loro ultimo saluto a Vigor.

Nella giornata di martedì si svolgerà l'autopsia. Ancora da stabilire la data del funerale. "Il pensiero di tutta la Softer Volley Forlì si stringe attorno alla sua famiglia, la moglie Federica ed i quattro figli. Numerosissime, fin dalla notte ed ancor più nella mattinata odierna, le testimonianze di affetto giunte dall'Italia e non solo. "Una persona sempre positiva, negli allenamenti, nelle relazioni, in tutti i rapporti. Una persona buona, di grandissima umanità". Questo il ricordo del presidente della Softer Volley Forlì, l'architetto Giovanni Gavelli. La Federazione ha già risposto con la propria disponibilità di massima allo spostamento della gara con Forlimpopoli, prevista per sabato prossimo. La squadra tornerà ad allenarsi martedì.

Commozione e sgomento per l’improvvisa scomparsa del campione di pallavolo Vigor Bovolenta. A nome della Giunta e del Consiglio comunale di Forlì, il Sindaco Roberto Balzani esprime "i sentimenti di cordoglio ai familiari ed è vicino alla Softer Volley Forlì, ai dirigenti, ai compagni di squadra e all’intero staff societario. L’Italia e la nostra città perdono un grande atleta e un simbolo dei valori dello sport, punto di riferimento per i giovani, per il tessuto associativo, per il volley romagnolo e nazionale. Sul campo e nella vita, Vigor Bovolenta ha saputo trasmettere, attraverso l’attività quotidiana e l’esempio, l'importanza della serietà, della lealtà e dell’impegno. In questo triste momento, Forlì partecipa al dolore della moglie, dei figli e dei familiari, testimoniando l’affetto e la stima di un’intera città che si stringe a loro in un affettuoso abbraccio".

Annuncio promozionale

La Pallavolo di Serie A ha ricordato domenica sio campi la scomparsa di un grande Campione: Vigor Bovolenta. Tante sono state le dimostrazioni di affetto e le lacrime sui campi della Serie A. Grande commozione soprattutto a Latina dove insieme al “Bovo” è stato ricordato anche la scomparsa avvenuta sabato del Direttore Generale dell’Andreoli Latina Roberto Rondoni, che ha lottato fino all’ultimo contro una grave malattia, lasciando purtroppo l’ambiente pontino e del volley nazionale un altro grande dolore. A Cuneo, prima del fischio d’inizio del match Bre Banca Lannutti Cuneo – Copra Elior Piacenza, i giocatori delle due formazioni si sono stretti a metà campo attorno a Hristo Zlatanv che commosso teneva tra le mani la maglia piacentina di Vigor.

Vigor Bovolenta
morte bovolenta

3 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di antonella belfiore

    antonella belfiore vigor non meritavi di morire..chissà a quanti controlli ti sottoponevi con tutto lo sport che praticavi.lo sport è vita...e tu amavi la vita..non è da tutti mettere insieme 4 figli a 37 anni.riposa in pace,rimarrai sempre vivo per noi

    il 25 marzo del 2012
  • Avatar anonimo di bennjni

    bennjni per noi che eravamo sempre sugli spalti a soffrire e gioire addio guerriero.

    il 25 marzo del 2012
  • Avatar di Righi Alessandro

    Righi Alessandro ciao Vigor, campione dentro e fuori dal campo!R.I.P

    il 25 marzo del 2012