Non accadeva da 5 anni: le due squadre di Gymnica 96 a braccetto in finale nel campionato di "Insieme"

La conferma del lavoro svolto da ginnaste ed allenatrici è arrivata anche quest’anno: entrambe le squadre, junior e senior sono entrate in finale fra le best d'Italia

Pare che la gara meglio conosciuta come “di squadra” sia tecnicamente chiamata di “Insieme” poiché le cinque ginnaste sono impegnate contemporaneamente e con altrettanti attrezzi nello svolgimento di un esercizio della durata massima di 2 minuti e mezzo. Agli amanti della ginnastica ritmica e della Gymnica '96 che hanno seguito e accompagnato in questi mesi le due squadre Giovanile ed Open, dalle prime esecuzioni quando gli esercizi erano ancora da lavorare, fino alla performance di sabato e domenica a Torino, è parso che questa specialità della ritmica erediti il nome dal fatto che nel lungo cammino che porta alla finale nazionale le emozioni vengono condivise proprio fra tutti: atlete, tecniche e tifosi. La conferma del lavoro svolto da ginnaste ed allenatrici è arrivata anche quest’anno: entrambe le squadre, junior e senior sono entrate in finale fra le best d'Italia.

La città della Mole ha accolto tutti col sole, mettendo in campo ad opera della società torinese organizzatrice , un ottimo impianto ed un'ottima soluzione logistica ; una garanzia per la F.G.I. e per le novanta squadre e oltre 600 ginnaste impegnate nella due giorni. La fase di qualificazione svoltasi al Pala Ruffini è stata a dir poco emozionante: la formazione giovanile composta da Nadja Righi, Arianna Benini, Asia Incarnato, Emma Pantini e Martina Reggiani, gareggiando per ultima ha centrato l'ultimo posto valido per la qualificazione alla finale delle migliori otto, in un esercizio ai cinque nastri che è valso 10,950. Semplicemente esaltante la gara delle Open con Giulia Capacci, Silvia Muscolino, Lucia Bellavista , Matilde Fantini, Emma Santi e Giulia Torriani. Il quintetto sceso in pedana a metà giornata ha affrontato l’impegno con grande concentrazione e responsabilità ed ha subito dato l’impressione di aver svolto il proprio compito fino in fondo, nonostante una piccola imperfezione, confermato dal punteggio uscito sul maxi schermo qualche minuto dopo di 18, 650 che le proiettava nell'olimpo.

Sono varietà di emozioni che non si dimenticano mai più e che partecipano a costruire uno spirito di corpo che contribuisce a creare il senso di appartenenza a Gymnica. Forse è questo il primo stimolo che spinge a continuare tra mille difficoltà quotidiane e crescenti a mantenere in vita l’associazione, una sorta di dipendenza dalle emozioni positive e condivise. La qualificazione alla finale della domenica di sue squadre su due era già avvenuta cinque anni fa a Rimini ma non si era più ripetuta, stabilendo così un piccolo nuovo record societario per Gymnica. La finalissima si è conclusa con un ottimo sesto posto per le junior e nono per le senior, con i complimenti del presidente Matteo Bartolini a tutte le ginnaste e soprattutto allo staff tecnico composto da Chiara Domeniconi e Nadia Sicari , che le ha guidate e sostenute.

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Feroce scazzottata in centro storico, ragazzo in coma al "Bufalini"

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento