Taekwondo, inizio entusiasmante e ricco di soddisfazioni per la Polisportiva Edera

Dopo il quinto posto ottenuto in -52kg ai Campionati Europei Junior a Marina d'Or in Spagna, la forlivese Linda Cecchi, classe 2003, è stata selezionata dalla Nazionale Italiana per partecipare ai Campionati Europei a Categorie Olimpiche

E' stato un inizio di stagione sportiva davvero entusiasmante per la Polisportiva Edera sezione Taekwondo. Dopo il quinto posto ottenuto in -52kg ai Campionati Europei Junior a Marina d'Or in Spagna, la forlivese Linda Cecchi, classe 2003, è stata selezionata dalla Nazionale Italiana per partecipare ai Campionati Europei a Categorie Olimpiche che si terranno sabato e domenica a Dublino in Irlanda. Linda gareggerà nella categoria olimpica giovanile -55kg, di una superiore a quella che l'ha vista protagonista agli Europei Junior, ma che dopo essi l'ha vista trionfare in ben due tornei internazionali, Oro al Croazia Open e Argento al Serbia Open.

Per la forlivese che frequenta il Liceo Scientifico nella classe 3^D è sicuramente un'altra grande esperienza e la conferma che la Nazionale Italiana punta su di lei per il futuro. Nello stesso momento nel quale Linda sarà impegnata agli Europei a Dublino, altri 5 ragazzi della Polisportiva Edera saranno protagonisti a Milano ai Campionati Italiani Cinture Rosse. Tra i cadetti ci sarà il classe 2007 Daniele Vacca in -49kg, tra i senior Rosetti Nicola, classe 1999, in -68kg e Rosetti Valentina, classe 1997, in -57kg e sorella di Nicola. Tra gli junior il classe 2002, Roberto Di Lauro in +78kg ed infine la terza sorella della famiglia Rosetti, Veronica, classe 2003 che garegerà in -49kg dove due settimane fa ha conquistato una strepitosa medaglia d'argento da cintura rossa al French Open a Parigi tra le cinture nere. Oltre a queste grandi soddisfazioni c'è da sottilineare anche il grande e prestigioso riconoscimento dato dal Presidente della Repubblica Mattarella a Martina Corelli, ex atleta della Polisportiva Edera passata questa estate nel gruppo sportivo dell'Esercito. Martina dopo essersi diplomata con 100 e lode e con la media del 9.96 al Liceo Scientifico di Argenta, è stata premiata come Alfiere della Repubblica direttamente dal Presidente Mattarella.

"Questa nuova esperienza in Nazionale per Linda è un'altra grande soddisfazione per tutti noi - commenta Il direttore tecnico, Filippo Rosati -. Agli Europei junior speravamo e ci aspettavamo tutti una medaglia conoscendone il valore, purtroppo però non è arrivata, ed ora ha una seconda occasione anche se trattandosi di un Europeo non sarà facile. Linda viene comunque da due belle medaglie in Serbia e a in Croazia dove ha dimostrato che anche nella nuova catgoria è sempre molto competitiva. Certo pagherà l'altezza delle avversarie, ma siamo fiduciosi. Io purtroppo non potrò seguirla perche sarò con le cinture rosse ai campionati italiani dove abbiamo buone possibilità di portare a casa medaglie. Una su tutte Veronica Rosetti, la più piccola dei tre figli che praticano sia danza che taekwondo".

"Veronica è un grande talento e già da cintura rossa è riuscita a conquistare una medaglia d'argento a Parigi al French Open, uno dei tornei come in Croazia e Serbia che da punteggio per il ranking olimpico - conclude -. Infine ma non ultimo voglio fare un plauso a Martina Corelli che anche se ora fa parte del gruppo sportivo Esercito è stata una nostra importante atleta e soprattuto un grande esempio per tutti i ragazzi. Avere voti cosi alti e ottenere grandi successi sportivi non è da tutti ma Martina ci dimostra che è possibile. Basta organizzazione e volontà. Credere in ciò che si fa e nei proprio sogni rende tutto meno complicato e può far accadere quello che prima pensavamo impossibile. Sono molto orgoglioso di lei e spero che riesca a qualificarsi per Tokyo 2020, anche se ora non si allena più quà la consideriamo sempre come una nostra compagna".

Martina Corelli Esercito-2

Veronica a Parigi-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Arriva la neve di Santa Lucia, il parere dell'esperto: ecco ci attende nelle prossime 48 ore

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

  • Anziano trovato in mezzo alla strada morto con la sua bici in terra

Torna su
ForlìToday è in caricamento