menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Unieuro quant'è Dulca il 2016: Forlì strapazza Santarcangelo 87-74 e si laurea campione d’inverno

Forlì azzecca contro gli Angels la 13a vittoria consecutiva; record utile per staccare il pass per la Coppa Italia di marzo. Grande prova per il terzetto Ferri, Vico, Rotondo.

Un buon, buonissimo anno. Se le premesse son quelle palesate con la Dulca Santarcangelo e valse il 13° successo consecutivo – una su tutte: la capacità di giostrare un avversario indigesto con acume e solidità – la Pallacanestro 2.015 può attendersi un 2016 ricco di soddisfazioni. Con la consapevolezza una di averla già nel cassetto: l’accesso alla poule di Coppa Italia, in scena Rimini dal 3 al 4 marzo prossimi. Forlì nell’ultima del girone d’andata si è dunque dimostrata quadratissima, serafica, abile nel sbrigare la matassa tecnica dei copiosissimi minuti di difesa a zona clementina nonché i ripetuti tentativi ospiti di rimettere in ballo un match sempre condotto. E ciò tra prove davvero di pregio di alcuni (da segnalare: Ferri 12 punti e minuti di altissima qualità nel playmaking, Vico a segno con 26 carambole e il riscatto del pivot Rotondo dopo le deludenti due ultime uscite, in doppia doppia 20+11) e altre non propriamente da cerchiare nel calendario (vedasi Arrigoni e Pederzini); mentre un altro "non entrato" di Iattoni potrebbe far seriamente pensare a imminenti movimenti di mercato.

La partita - Le strategie d'entrambe le compagini son chiare dalla palla a due: gli Angels si arroccano in una zona pari che da par suo Forlì prova a scardinare innescando i lunghi dalla media. Rotondo, centro dalle mani morbidissime mai visto così adrenalinico al PalaGalassi (evidente l’effetto emotivo sortito dai 0 punti refertati a Livorno) si mostra a suo agio: suoi 4 punti nel 7-5 del 2'30”. E se alla baraonda prende parte anche uno tra gli attori più attesi, Sebastian Vico (che piazza un'infilzata in area e una bomba, 12-7) il break è dietro l’angolo. La molla è bella carica e l'Unieuro fa molto bene anche dietro con difese adeguate, e match-up. Ferri fa sobbalzare sulle seggiole i 2000 del PalaGalassi piazzando la tripla su assist dietro la schiena di Pignatti: 15-7 (4'30”). Mentre proprio Pigna fa la decina per i biancorossi (17-7), il coach ospite Tassinari cerca risposte dalla panca abbassando il quintetto. Pesaresi prova ad animare i blues con un guizzo da 7 metri ma Vico, scattando palla in mano dalla linea più distante, lascia tutti sul posto due volte e il quarto è saldamente P 2.015: 31-20. Forlì serena e fosforica (complici anche i molti minuti per capitan Rombaldoni), non evidenzia ansia neppure quando la Dulca mette a segno colpi dalla lunga (Gualtieri e il pivot Botteghi) che al 14’ valgono il -8, 37-29.

Ruvidezze assortite e il metro arbitrale abbondantissimo alzano il livello della contesa a vantaggio Angels. Nel suo peggior momento (minuti senza idee, specie in attacco) Forlì è ridestata da uno squillo dalla media di Michele Ferri (39-29, 15'30”). Ora è la Dulca a non vedere canestro e la grinta buttata a terra dal duo Rotondo-Pignatti, leonini a rimbalzo offensivo, rimette il cuneo: 43-29 (18'). All’intervallo si và su un comodo +16, 47-31. Un bel gruzzolo considerahndo che comunque gli Angels non hanno "sbracato". La ripresa non è uno slogan al basket. Almeno finché, sempre Ferri, caccia la mina da 3 che rompe gli indugi: 50-35, 22'30. Spezzato il ghiaccio a sciogliere l’intero Polo Nord è Vico: bomba, sfondo subito da Bedetti, poi due liberi che fan 5 punti e il colpo da ko rifilato agli Angels (55-37, 24'). Santarcangelo nel mentre perde per qualche minuto anche Pesaresi, out per colpo alla schiena. Forlì può giocare con agilità e anche se le distrazioni non mancano (non propriamente in gran serata paiono Arrigoni né Pederzini) il match scivola via. Gli Angels, spuntati in area, hanno punti solo dalle triple di talento di Gualtieri Cardellini (63-50, 28'30”) troppo poco per impensierire seriamente l’Unieuro che a fine III è a +17, 67-50. Giochicchiando a tratti, Forlì, nell’ultimo periodo dilaga (71-52, transizione di Arrigoni, 32') fino ad auto-contenersi nel 87-74 che vale il 13° hurrà.

Parziali: 31-20; 47-31; 67-50
UNIEURO PALLACANESTRO 2.015 FORLI' – Rotondo 20, Rombaldoni 6, Vico 26, Iattoni ne, Ferri 12, Arrigoni 2, Pederzini 5, Pignatti 13, Bonacini 3, Ravaioli. All. L. Garelli
DULCA ANGELS SANTARCANGELO – Bianchi 2, Pesaresi 4, Fusco ne, Pasini ne, Gualtieri 12, L. Bedetti 19, Moretti 6, Cardellini 10, Botteghi 11, Saponi 10. All. D. Tassinari

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Bimba di un mese muore nella culla: caso di "morte bianca" a Forlì

    • Incidenti stradali

      Ciclista falciato all'ingresso della Tangenziale di viale Roma: è gravissimo

    • Incidenti stradali

      Cicloturista investito da una macchina: soccorso dall'elicottero del 118, è grave

    • Cronaca

      L'Edera Nuoto piange la scomparsa di Andrea Maltoni

    Torna su