L'auto si ferma, abbandona il divano e sgomma via: dopo il confine fioccano gli scarichi

Commenta il cittadino di Coccolia, la prima frazione dopo il confine tra Forlì e Ravenna: “La situazione è insostenibile".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Appena valicato il confine tra i comuni di Forlì e Ravenna tornano a comparire i cassonetti e nelle aree stradali in cui si concentrano i bidoni dell'indifferenziato e della differenziata continuano a fioccare gli scarichi abusivi, specialmente quelli dei rifiuti ingombranti, come i classici divani dismessi. La video-segnalazione arriva da un cittadino, nella zona di via Taverna, traversa di via Ravegnana, a Coccolia. Le immagini di videosorveglianza immortalano un'auto che fa sosta in un punto in cui ci sono cassonetti per l'indifferenziata, e per la plastica, la carta, gli sfalci e la campana del vetro. In quel punto gli occupanti dell'auto ne approfittano per abbandonare un vecchio divano (che Hera dovrà poi recuperare e smaltire), per poi allontanarsi in direzione di via Ravegnana. Il fatto – uno dei tanti scarichi abusivi – è avvenuto domenica intorno alle 14.

Cestini per i piccoli rifiuti utilizzati come cassonetti dell'immondizia: la brutta abitudine in aumento - FOTO

Commenta il cittadino di Coccolia: “La situazione è insostenibile. Sarà che la gente si sta liberando delle cose in  cantina o sarà per i forlivesi  che usano i cassonetti di Coccolia per la loro immondizia, ma i bidoni son diventate ormai discariche a cielo aperto. Anche fuori dai bidoni c'è di tutto, e sono sempre strapieni. Prima non succedeva, scene come queste ne vedo ogni giorno”.

Potrebbe Interessarti

  • Incidente spezza la vita ad una giovane coppia: "Ibra" e la sua fidanzata muoiono annegati

  • Tamponamento a catena in tangenziale manda in tilt in traffico della mattina

  • Due investite in viale Roma, col corpo sfondano il parabrezza

  • Le immagini shock del feroce accoltellamento in piazza del Popolo

Torna su
ForlìToday è in caricamento