Ruspa in azione: si abbattono gli alberi del "boschetto" della Cava

E' iniziato giovedì l'abbattimento degli alberi che popolavano quello che è stato ribattezzato come il "Boschetto della Cava"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

La ruspa col suo lungo braccio è arrivata in una fredda e nebbiosa giornata di fine dicembre. E' iniziato giovedì l'abbattimento degli alberi che popolavano quello che è stato ribattezzato come il "Boschetto della Cava". La campagna in difesa dell'area verde è iniziata oltre un mese fa, anche con un accorato appello del Comitato per la salvaguardia deli alberi di Forlì. In prima linea nella campagna c'era soprattutto il vivaista Stefano Silvestroni, che ha gestito per anni il piccolo "polmone verde" che si trova tra viale Bologna e la Tangenziale. Un campagna che ha avuto consensi anche sulla pagina Facebook "Quasi un bosco in città".

Il contratto di locazione, non più rinnovabile, è scaduto e non è stato trovato con i proprietari della porzione del terreno un accordo. Si è attivata anche l'amministrazione comunale, presentando un progetto didattico, ma che è stato rifiutato. E così via agli abbattimenti, che proseguiranno anche nei prossimi giorni. Di quel boschetto si salveranno solo otto dei 300 alberi presenti tra noccioli, ippocastani, aceri, bagolari e tanti altre specie. Pochi giorni prima di Natale la neve aveva regalato un'atmosfera incantevole, ovattando tutta la distesa e giocando con i colori di un autunno ancora non arrendevole all'inverno. Sabato 15 dicembre, prima che il boschetto indossasse l'abito bianco, c'è stata un ultima possibilità per visitarlo ed accarezzarlo.

Potrebbe Interessarti

  • Incidente spezza la vita ad una giovane coppia: "Ibra" e la sua fidanzata muoiono annegati

  • Tamponamento a catena in tangenziale manda in tilt in traffico della mattina

  • Due investite in viale Roma, col corpo sfondano il parabrezza

  • Le immagini shock del feroce accoltellamento in piazza del Popolo

Torna su
ForlìToday è in caricamento