Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Nella social street in centro il "concept store" delle opportunità: "Qui trovate una casa"

Non un semplice negozio: all'interno è presente anche la Sartoria Sostenibile, un progetto che si occupa di professionalizzare donne carcerate

 

Basta varcare la linea d'ingresso per immergersi in un’avventura sensoriale, dove è possibile coprire nuovi materiali e nuovi oggetti. Il tutto nel rispetto dell'ambiente. Via Giorgio Regnoli 52 sarà la casa di "Fuori Luogo", progetto di Formula solidale, cooperativa sociale forlivese, nato grazie al sostegno di Soroptimist International Club di Forlì, che opera attraverso progetti diretti all'avanzamento della condizione femminile, soprattutto in un’ottica di inserimento lavorativo.

""Fuori Luogo" nasce per unire nuovi modi etici di produrre con la possibilità di offrire impiego e crescita a quanti altrimenti sarebbero esclusi dal mercato, in particolare donne con un passato di fragilità", viene spiegato. Non un semplice negozio: all'interno è presente anche la Sartoria Sostenibile, un progetto che si occupa di professionalizzare donne carcerate o che vivono in situazioni di svantaggio, insegnando loro a confezionare abiti ed accessori, in modo da favorire la crescita personale e professionale. La Sartoria Sostenibile è un laboratorio che ha due sedi, uno all’interno del carcere di Forlì e l’altro presso la sede della cooperativa in via Karlsruhe.

Tramite il laboratorio di cucito e sartoria, Formula Solidale dà la possibilità alle persone, ed in particolare alle donne, di imparare un nuovo mestiere, di mettere la loro manualità a servizio di un progetto virtuoso e di permettere loro di inserirsi attivamente nel mondo del lavoro, i corsi di formazione sono curati da Techné. Ogni prodotto confezionato è realizzato nel rispetto dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori, attenti alle loro necessità e al loro ritmo di vita.

Nello spazio di via Giorgio Regnoli si potranno trovare borse, t-shirt e sciarpe. "I tessuti impiegati per la produzione degli abiti e degli accessori seguono una filiera tracciabile ed etica - viene sottolineato -. L’obiettivo è infatti quello di legare il concetto di qualità al benessere delle persone e della comunità. Fiore all’occhiello risulta l’utilizzo di lana di recupero attraverso la tecnica antica del telaio grazie al lavoro dei laboratori della cooperativa Lamberto Valli". Nel concept store trovano spazio i marchi Sartoria Sostenibile, No Waste e Vintage d’Autore.

Non solo shopping. All'interno si può ascoltare musica, partecipare ad incontri formativi, comprare mobili, soprammobili, profumi e libri in un’ottica di riuso, o semplicemente fermarti nell’angolo del pensatoio e prenderti un attimo per staccare dalla frenesia della quotidianità. L'inaugurazione si terrà lunedì 23 settembre alle 10 con le autorità e dalle 18, in occasione della Settimana del Buon Vivere, con musica ed aperitivo organizzato in collaborazione con i negozi di Via Giorgio Regnoli. Sarà aperto tutti i giorni dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19:30.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento