Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Cambio alla guida del 66°: il passaggio della bandiera di guerra nelle mani del nuovo comandante

Il colonnello Pasquale Spanò, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito, subentra al pari grado Vito Nitti, che lascia il comando della prestigiosa unità dell’Esercito dopo 14 mesi di intense attività

 

Avvicendamento al comando del 66esimo Reggimento Fanteria Aeromobile "Trieste". Il colonnello Pasquale Spanò, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito, subentra al pari grado Vito Nitti, che lascia il comando della prestigiosa unità dell’Esercito dopo 14 mesi di intense attività. La cerimonia si è svolta venerdì mattina all’interno della caserma "De Gennaro" alla presenza del comandante della Brigata Aeromobile "Friuli", Generale di Brigata Salvatore Annigliato, del sindaco Gian Luca Zattini, del prefetto Antonio Corona, del questore Lucio Aprile e del vescovo Livio Corazza.

Sotto la guida del colonnello Nitti, il reggimento è stato impiegato sia all’estero nell’operazione "Resolute Support in Afghanistan, sia sul territorio nazionale nell’ambito dell’operazione "Strade Sicure" in concorso alle forze dell'ordine nelle attività di controllo del territorio e nel contrasto alla criminalità. Nel discorso di saluto, il comandante uscente ha ringraziato tutto il personale militare e civile, ripercorrendo i momenti significativi vissuti alla testa dei fanti Aeromobili, le intense fasi di preparazione e il successivo impiego nell’impegnativa missione in Afghanistan, dove il Reggimento ha operato dallo scorso dicembre allo scorso giugno.

Nitti ha ringraziato le autorità locali e a tutta la comunità forlivese, "che non hanno mai mancato di dimostrare la propria vicinanza". Il comandante ha concluso il discorso salutando gli Aeromobili: "Sono certo che sarete ancora una volta gli indiscussi protagonisti del futuro del Paese e che saprete sicuramente confermare l’invidiabile livello di efficienza conseguito e l’altissima considerazione conquistata, tanto in ambito nazionale quanto in quello internazionale".

Il Generale di Brigata Annigliato ha espresso il "vivo apprezzamento" al colonnello Nitti ed al 66esimo tutto "per il lodevole livello di professionalità e dedizione al servizio dimostrati in tutte le attività che li ha visti protagonisti", augurando "eguali fortune" al suo successore Spanò. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento