rotate-mobile
Attualità

Campagna dell'otto per mille alla chiesa Avventista: fondi per il futuro reparto Alzheimer senza contenimenti

Si rinnova anche quiest'anno la campagna di comunicazione per destinare l'8xmille della dichiarazione dei redditi alla Chiesa Avventista, che è presente anche a Forlì con la casa di riposo 'Casa Mia'

Si rinnova anche quiest'anno la campagna di comunicazione per destinare l'8xmille della dichiarazione dei redditi alla Chiesa Avventista, che è presente anche a Forlì con la casa di riposo 'Casa Mia'.  “Investiamo oltre 400 mila euro del nostro cinque e del nostro otto per milleper promuovere la salute e il benessere psicofisico della persona”, afferma Stefano Paris presidente della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno. “Per questo la nostra campagna di informazione è imperniata su questi temi. Un argomento particolarmente sensibile in questo 2021”.  

Il 25 per cento circa dell'otto per mille percepito dalla Chiesa Avventista sostiene, sul territorio nazionale, progetti per il benessere e la tutela della salute: campagne di sensibilizzazione contro le dipendenze, seminari su cibo e alimentazione, checkup sanitari gratuiti offerti alla cittadinanza, sostegno ad altri enti del terzo settore, oltre a un'intensa attività editoriale a favore di un'informazione scientifica e rigorosa. 

“Nel 2021 - spiega Paris - abbiamo in programma di finanziare organizzazioni di ricerca quali la Fondazione Comitans e l’Istituto Tumori di Milano, associazioni nazionali di volontariato come A.I.D.O., realtà educative come le associazioni sportive dilettantistiche. Oltre a costruire partnership condivise con tutte le organizzazioni con le quali abbiamo collaborato negli anni”. La Chiesa Avventista, nata negli Stati Uniti nel 1863, oggi è diffusa in quasi tutto il mondo e conta oltre venti milioni di fedeli. L’attenzione per la prevenzione e lo stile di vita sano è parte integrante della sua comprensione dell'esperienza di fede cristiana. 

In particolare a Forlì, con il controbuto dell'otto per mille sarà realizzato un centro Alzheimer. A ottobre 2021 la Casa Residenza per Anziani avventista “Casa Mia” aprirà un Centro Alzheimer anche grazie al contributo di circa 20 mila euro del cinque e dell’otto per mille della Chiesa Avventista italiana. “Il nuovo servizio si sta organizzando in funzione delle esigenze del territorio rilevate insieme all’amministrazione comunale. I dati Istat inseriscono il distretto sanitario di Forlì fra i territori con il tasso di incidenza più elevato dell’Asl Romagna e della Regione: 20,3 casi di demenza ogni mille abitanti -  dichiara Fabian Nikolaus, direttore della casa di riposo -. Partendo dal concetto di memoria a lungo termine. Prevediamo di ricreare ambienti familiari per i pazienti e di ideare attività rilassanti con l’obiettivo di mantenere vivi i ricordi e di garantire la loro sicurezza senza contenimento fisico o farmacologico".

Il reparto, inserito all’interno della Casa Residenza per Anziani accreditata dai servizi territoriali di Forlì, è stato progettato in modo essere innovativo e all’avanguardia rispetto alle ultime scoperte della ricerca scientifica per quanto concerne il trattamento dei pazienti affetti da questa malattia. I tre obiettivi principali saranno: zero contenimento fisico e farmacologico, personalizzazione del servizio nel rispetto delle abitudini del paziente, innovazione tecnologica all’avanguardia. “Prevediamo un costo di 80 mila euro circa - informa Giovanni Benini, incaricato delle relazioni esterne e della raccolta fondi della struttura -. Siamo grati alla Chiesa Avventista per l’erogazione di questi 20 mila euro, come siamo riconoscenti ai numerosi partner privati della nostra struttura dai quali abbiamo ricevuto altri 22 mila euro. Anche la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì ci ha assicurato un suo intervento e siamo certi che arriveranno altri contributi”.

“Per noi il progetto è imprescindibile e stiamo muovendo i primi passi per la sua realizzazione anche se siamo solo a metà strada con il reperimento dei fondi. Siamo convinti che avremo le risorse per concluderlo -  aggiunge il direttore Nikolaus - Per questo motivo ne abbia già affidata l’elaborazione all’architetto per la realizzazione. La Chiesa Avventista ci ha sempre sostenuto. Da quando è nata “Casa Mia”, nel 1983 ha speso oltre 3 milioni di euro del suo otto per mille per ampliare la struttura e migliorarne il servizio. Fu questa la motivazione della visita del presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro vent’anni fa circa”, conclude.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campagna dell'otto per mille alla chiesa Avventista: fondi per il futuro reparto Alzheimer senza contenimenti

ForlìToday è in caricamento