Il Centro Diego Fabbri vola a Londra con "Ciò che resta dei poeti"

Lo spettacolo, diretto da Daniela Piccari sull’impianto scenico curato da Daniele Benericetti e che vede in scena con l’autore dei testi, Paolo Rambelli, nei panni del narratore

La conferenza-spettacolo “Ciò che resta dei poeti. A funeral Tea Party", prodotto dal Centro “Diego Fabbri” di Forlì, sarà uno dei protagonisti, sabato, del convegno annuale promosso alla Senate House di Londra dalla Società britannica di studi pirandelliani e dedicate quest'anno a “Maledetto sia Copernico!”: Pirandello and revolutions in contemporary science, philosophy, epistemology and aesthetics.
Lo spettacolo, che attraversa tutta la storia della letteratura italiana dall'angolo prospettico inedito degli ultimi attimi di vita e dell'illustrazione delle sepolture dei poeti, ha un atto dedicato alla figura di Pirandello ed è stato quindi scelto dagli organizzatori del convegno per concludere la giornata. Lo spettacolo, diretto da Daniela Piccari sull’impianto scenico curato da Daniele Benericetti e che vede in scena con l’autore dei testi, Paolo Rambelli, nei panni del narratore, l’attrice Laura Sciancalepore ed il chitarrista Paolo Benedetti (autore – oltre che interprete - delle musiche di scena), sarà introdotto per l'occasione dal prof. Guido Bartolini dell'università londinese di Royal Holloway.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Continua il tour romagnolo della Dea Bendata: dopo i gratta e vinci ecco il colpo con la Lotteria Italia

  • Assume cocaina, perde la testa e cerca delle scarpe tra le auto: non lo ferma nemmeno lo spray al peperoncino

  • Bel regalo di Natale in anticipo: gratta e vince una bella somma col 46 di Valentino Rossi

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • Postano su Facebook la foto del gatto rubato dal negozio: madre e figlia nei guai

Torna su
ForlìToday è in caricamento