Attualità

L'arte per abbattere "i muri ideologici": a Bertinoro una mostra contro l'omofobia

Sono stati ricordati, spiega il sindaco Gabriele Antonio Fratto, "i primi 31 anni da quando l'omosessualità venne ufficialmente depennata dalle malattie mentali"

Dall'arte un messaggio di pace. In occasione della Giornata Internazionale contro l'Omofobia, è stata inaugurata a Bertinoro la mostra di Jasmine Ward, giovane studentessa vincitrice nel 2017 del concorso "Viva l'amore" promosso dalla Regione Emilia-Romagna. Sono stati ricordati, spiega il sindaco Gabriele Antonio Fratto, "i primi 31 anni da quando l'omosessualità venne ufficialmente depennata dalle malattie mentali. La Giornata Internazionale contro l'Omofobia è stata un'occasione per ricordare quanto sia sempre importante abbattere tutti i muri ideologici ed aprirci al prossimo in maniera genuina e sincera". La mostra è stata inaugurata lunedì mattina in Piazza della Libertà alla presenza di Marco Tonti, coordinatore regionale Arcigay, degli assessori Sara Londrillo e Gessica Allegni, di Gabriella Garoia, dirigente dell’istituto comprensivo di Bertinoro, e Loretta Raffuzzi. del consultorio giovani Forlì Ausl Romagna. Presenti anche gli studenti di terza media.

"Un momento bello e significativo per dire no a qualunque tipo di discriminazione e violenza", conclude Fratto. Le tavole che Jasmine ha realizzato quando aveva solo 13 anni, stimolano la riflessione su come anche le adolescenti e gli adolescenti siano vittime di stereotipi di genere. I disegni vogliono spingere le coetanee e i coetanei a prendere coscienza del  fatto che spesso essi stessi diventino anelli inconsapevoli di una catena di pregiudizi. Una mostra che è anche un racconto di un percorso interiore per uscire fuori dagli schemi imposti dalla società e affermare la propria identità in piena libertà e nel rispetto delle diversità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'arte per abbattere "i muri ideologici": a Bertinoro una mostra contro l'omofobia

ForlìToday è in caricamento