rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Sedicicorto 2022

Sedicicorto nelle scuole, le recensioni dei ragazzi: "L'ordinarietà è destinata ad essere dimenticata, l’assurdo fa la rivoluzione"

Anche quest'anno Sedicicorto Forlì International Film Festival dedica una specifica attenzione agli studenti del territorio

Anche quest'anno Sedicicorto Forlì International Film Festival dedica una specifica attenzione agli studenti del territorio. "MenoD5" è una selezione di cortometraggi di ogni genere con durata non superiore a 5 minuti. Sono film che trattano principalmente di attualità e tematiche sociali. I film sono presi in esame e valutati da studenti delle scuole medie e superiori, con recensioni e dibattiti in aula. ForlìToday pubblica a puntate una selezione di queste recensioni degli studenti.

Elevator Alone

Sapete cosa ho sempre trovato strano? Che le persone cerchino di somigliarsi ma che la loro attenzione sia catturata sempre dai bizzarri, dai diversi. Essere diversi fa paura quando ci si sente soli ad esserlo, è per questo che la gente si limita a seguire un modello condiviso ripudiando la diversità. Siamo tutti un po’ strani.  Ma sapete cosa rende alcuni strani speciali? L’assenza di paura, la spregiudicatezza, la capacità di essere sé stessi. L’ordinarietà è destinata ad essere dimenticata, l’assurdo fa la rivoluzione. La paura ha tramortito la bellezza che c’è nelle persone e le ha rivestite di banalità. Forse somigliare agli altri fa sentire come se si appartenesse a qualcosa, ma a volte appartenere a qualcosa costringe a rinunciare ad altro.

Emma Albini, 3A, Liceo Artistico e Musicale Canova.

House of mice

Il corto raffigura due topi in una loro giornata tipo in discarica. É un vero e proprio micro documentario, a tratti ti fa ribrezzo in altri momenti provi empatia per questi animaletti. L'ambientazione è perfetta, guardando il video riesci ad entrarci con l'immaginazione, riesci a capire le difficoltà che questi animali hanno nel riuscire a vivere.

Giovanni Casalboni, 1A Liceo Artistico e Musicale Canova. 

C-Attraction

È il corto che mi ha più colpita perché rappresenta un aspetto dell'uomo che io reputo fondamentale: il cambiamento. Io sono dell'idea che tutti possiamo cambiare, da una vita abitudinaria ad una in cui scopriamo nuove passioni e nuovi amici che spesso sono proprio coloro che ci aiutano nella scoperta di queste ultime, come il gatto nero fa con quello bianco. La storia è resa interessante e piacevole da seguire grazie all'animazione fluida e scorrevole che evidenzia i due protagonisti e crea scene molto divertenti, anche con l'uso di effetti sonori.

Margherita Orazi, 3A, Liceo Artistico e Musicale Canova. 

In a leaf

Questo video fa capire da vicino che i particolari della vita, che siano un bambino che raccoglie un fiore o una farfalla che vola, spesso possono, e riescono, a contenere il mondo intero, come la foglia appena caduta creata dall’autore Ethan David Alesch, morta, ma con ancora il ricordo dell'infinità della vita che le è appartenuta.

Rossi Francesca, 1°A Liceo Artistico e Musicale Canova

Pink

Un cortometraggio sfuggente, a causa della breve durata, ma che in poco tempo è riuscito a lasciare un solco. Un leggero solco, quasi un graffio. La fluidità della narrazione e dei movimenti ci porta ad affondare e a respirar la storia. Una storia che spesso viene dimenticata, lasciata ai margini, ma che è buon compito portare alla luce. Il colore, protagonista, è costante. Il rosa ci illude quasi, ci fa credere che in fondo sia una storia piacevole, con un lieto fine. Ma le sfumature di rosso, riflesse nello specchio ci raccontano la parte cruda, la parte reale, quella che vorremmo nascondere.

Rachele Afronio, 1^A, Liceo Canova Forlì

Pink

È un corto che fa riflettere sulla situazione di molte donne. L'ho pensato come una "doppia storia" con un doppio significato: esso riguarda la violenza sulle donne, ma fa pensare soprattutto come, a prima vista, una persona possa sembrare quella giusta e per anni nascondersi dietro la perfezione facendo sognare la vita perfetta. Poi, una volta aperti gli occhi, tutto ciò che inizialmente sembrava rosa può perdere colore e diventare una via senza uscita.

Giada Besciu, 3A, Liceo Artistico Musicale Canova. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sedicicorto nelle scuole, le recensioni dei ragazzi: "L'ordinarietà è destinata ad essere dimenticata, l’assurdo fa la rivoluzione"

ForlìToday è in caricamento