Il potere benefico dei social: sfide coinvolge 800 studenti e raggiunge 20mila persone

Il progetto di Eikon punta ad avvicinare i ragazzi alle tradizioni culinarie con i piatti preparati in gruppo dalle classi e la loro promozione online. Vincono la sesta edizione Istituto Salesiano di Bologna e Remo Brindisi di Comacchio.

Più di 800 studenti coinvolti e oltre 20mila persone raggiunte online dalle creazioni dei ragazzi. Nonostante l'emergenza coronavirus e la chiusura delle scuole il progetto SFIDE ha chiuso la sua sesta edizione e ha decretato i vincitori del concorso 2019/2020: sono la 3IPS Istituto Salesiano di Bologna e la 3°A IIS Remo Brindisi di Comacchio.

Ogni giorno gli adolescenti sono impegnati ad affrontare sfide per crescere, per approfondire le proprie conoscenze e per migliorare il mondo che li circonda. In questo periodo, a causa dell’emergenza COVID-19, hanno, però, una sfida in più da affrontare: come fare per superare le difficoltà legate alla chiusura delle scuole, continuare le riflessioni e gli approfondimenti iniziati in classe e mantenere lo spirito di gruppo con i propri compagni? Senza, in più, potersi incontrare fisicamente nemmeno fuori dalle aule? Il progetto SFIDE, rivolto agli Istituti Superiori della Regione Emilia-Romagna e ideato e realizzato da Eikon Communication, da sei anni si pone come obiettivo la sensibilizzazione degli studenti sull’utilizzo dei social network proprio come strumenti per valorizzare attività di gruppo e rafforzare le relazioni iniziate in classe, nella vita reale. Il 23 marzo si è conclusa la VI edizione che si è continuata a svolgere nonostante la chiusura degli Istituti, proprio per coinvolgere gli studenti in un’attività positiva e rafforzare lo spirito di collaborazione e condivisione, anche se, per ora, solo virtuale. E i risultati sono stati decisamente positivi.

Facebook e Instagram sono diventati una sorta di grande tavola imbandita, in cui oltre 800 studenti di 17 Istituti Superiori hanno presentato i loro piatti, cucinati assieme agli amici prima del lockdown. I ragazzi hanno valorizzato la tradizione regionale, rivisitando le ricette dei lori nonni e aggiungendo un tocco personale e ingredienti nuovi quali le Arance Rosse di Sicilia IGP, il Radicchio Rosso di Treviso IGP, il Pecorino Romano DOP, l’Aceto Balsamico di Modena IGP e, in generale, i prodotti DOP e IGP emiliano-romagnoli sostenuti dall’irrigazione. Tradizione e innovazione, dunque: attraverso SFIDE gli adolescenti, vero motore del nostro futuro, hanno unito l’Italia utilizzando i social network per promuovere le eccellenze gastronomiche che da sempre contraddistinguono il nostro paese e che oggi, quanto mai, vanno valorizzate.

Come veri professionisti della comunicazione, gli studenti si sono connessi in una sorta di smart working di classe, studiando strategie di promozione online: i post di Facebook, le storie di Instagram, i messaggi su Whatsapp, i video su Youtube e Tik-Tok, le e-mail, sono stati utilizzati per far conoscere a tutti il proprio lavoro, le proprie riflessioni, mostrando così che un piatto non è solo un insieme di ingredienti, ma ha una storia e dei valori, legati anche alla sostenibilità alimentare e ambientale, e che i social network non sono solo raccoglitori di contenuti superficiali. I canali online hanno così mostrato il loro potere positivo, superando le distanze fisiche e connettendo tra loro i ragazzi per il raggiungimento di un obiettivo comune.

I risultati sono stati decisamente buoni: le persone raggiunte dalla comunicazione degli studenti sono state oltre 20.000 con più di 8.000 interazioni e 5.000 “mi piace” alle foto dei piatti in gara. Significa che, nonostante la difficoltà data dal non potersi incontrare fisicamente e non poter promuovere la propria ricetta nelle scuole e nelle città, gli studenti sono riusciti a coinvolgere un numero importante di persone, di tutte le età e provenienti da più regioni d’Italia. I vincitori della sfida social, con il numero maggiore di “like”, sono stati la 3IPS Istituto Salesiano di Bologna e la 3°A IIS Remo Brindisi di Comacchio.

Grazie alle potenzialità date dai social network e, in generale, dagli strumenti online, SFIDE ha così permesso a studenti e professori di continuare a svolgere il percorso iniziato in classe, favorendo al tempo stesso riflessioni importanti che dovranno accompagnare i ragazzi anche finita questa emergenza, sia sulla comunicazione che sull’alimentazione. I post e le storie, che da sempre costituiscono il piano editoriale del progetto, hanno come obiettivo proprio il supporto alla didattica, utilizzando gli strumenti abituali dei ragazzi e il loro linguaggio raccontando loro, ad esempio, quali sono le eccellenze gastronomiche italiane, quali le loro caratteristiche e come vengono prodotte, senza dimenticare la sostenibilità e l’importanza dell’acqua come valorizzato da ANBI Emilia-Romagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per chi si fosse perso le creazioni dei ragazzi, non resta che andare sulla pagina Facebook e sul profilo Instagram di SFIDE per lasciarsi conquistare da cappelletti, tagliatelle, tortelli, cappellacci, piadine, tigelle e zuppa inglese, anche in formato finger food come richiesto da SIRIO SpA azienda emiliano romagnola con moltissimi punti ristoro nelle principali strutture sanitarie nazionali.  Provando anche a replicare i piatti, grazie alle video-ricette realizzate dagli stessi studenti che verranno pubblicate nei prossimi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento