Martedì, 15 Giugno 2021
Forlì bella

Opinioni

Forlì bella

A cura di Serena Vernia

Cultura per l’inclusione e il cambiamento

Rileggendo alcune esperienze e considerando nuove proposte, cambia la fruizione della cultura dopo la pandemia da Covid, divenendo un elemento per la ripartenza della socialità

Negli ultimi due anni l’esclusione per necessità dalla socialità ha determinato una più forte esigenza di accedere alla cultura o di cercare degli appuntamenti culturali che favoriscano gli incontri. Tale è la lettura dell’Assessore alla Cultura della regione Emilia Romagna Mauro Felicori che ha suggerito nuove indicazioni all’inaugurazione della mostra dedicata a Dante Alighieri e allestita ai Musei di San Domenico a Forlì. L’invito è stato rivolto ad una nuova platea di destinatari della cultura: i giovani, che per primi hanno maggiormente risentito della restrizione alla socialità.

Tuttavia ciò che si propone ora non è una ripresa come se nulla fosse avvenuto, perché proprio le sedi culturali vengono proposte come luoghi di incontro sia nel piacere di apprendere i risultati di nuove ricerche, sia nell’intenzione di incontrare altre persone in luoghi che solitamente erano frequentati specialmente dagli appassionati. La proposta dell’Assessore Felicori coinvolge differenti settori che interessano i giovani: dallo sport alle parrocchie, dai gruppi ricreativi a quelli del volontariato. Viene proposta, quindi, una nuova modalità di fruizione delle sedi espositive e degli eventi culturali; nuovi obiettivi per ciascun ente integrati nella proposta alla socialità nei luoghi della cultura, che divengono mezzi per apprezzarne i contenuti e la compagnia.

Sulla condivisione delle esperienze formative, culturali ed educative anche il Ministero dell’Istruzione si è speso per un piano specifico per le scuole per l’estate che è alle porte, con l’obiettivo di recuperare gli spazi della socialità tolti durante la gestione dell’epidemia da Covid e per riproporre momenti educativi attraverso attività realizzate nell’ambito scolastico seppur non necessariamente all’interno degli edifici dedicati. Itinerari nel territorio e nuovi progetti sono tra le indicazioni per i giovani nell’estate, che per la seconda volta si presenta con la presenza dell’epidemia da Covid, si spera in diminuzione rispetto ai precedenti periodi.
Queste considerazioni nel nostro territorio e nella nostra città trovano una corrispondenza nella continuità di alcune iniziative ormai imprescindibili per la celebrazione di avvenimenti tappe per la storia: ci riferiamo ai risultati del concorso del 25 aprile che quest’anno ha avuto ugualmente il suo svolgimento e i vincitori hanno avuto la soddisfazione della vittoria in un clima maggiormente concentrato sulle evoluzioni dei dati epidemiologici.

Approfittiamo di questa puntata per valorizzare l’impegno dei giovani studenti degli istituti scolastici della città che hanno ugualmente profuso l’impegno per mettersi alla prova con una proposta artistica destinata al giudizio di una commissione, per la decisione della migliore ideazione per gli ambiti artistici richiesti. Parliamo perciò di una bella opera realizzata da Dilpri Managoda  allieva all’Istituto professionale Ruffilli in 5°A, che ha ricevuto una menzione speciale della giuria per la sezione manifesti con un’opera grafica sulla quale l’alunna si è confrontata con il tema della ricorrenza.

Potremmo ricordare anche tutti gli altri vincitori del concorso, ciascuno per la propria declinazione nella forma d’arte scelta e studiata nel proprio istituto, ma dedichiamo un’attenzione particolare a questo manifesto perché rappresentativo dell’essenzialità, che trova a fianco della nuova proposta della cultura una rinnovata speranza per una rivalutazione dei rapporti sociali nel contesto di un’educazione al patrimonio artistico, infondente con la bellezza i migliori propositi per una società inclusiva e più ricca di entusiasmo proprio per la cultura, che sostanzia i pensieri degli uomini e delle donne; la cultura italiana profondamente invidiata nel mondo.  


Dilpri Managoda-2

Si parla di

Cultura per l’inclusione e il cambiamento

ForlìToday è in caricamento