Lunedì, 20 Settembre 2021

Che ne sarà del Bar Roma, il pubblico esercizio più longevo di Forlì?

Correva l’8 marzo 2021 e Biancarosa Ciani, titolare del Bar Roma di via Bonatti, ha servito l’ultimo caffè ai suoi clienti. “L’ideale sarebbe ristrutturare e poi affittare a qualcuno che volesse rilanciare il locale, senza perdere la continuità di licenza”. La facciata mantiene ancora i segni del bombardamento aereo del 25 agosto 1944, che costò la vita alla sorella Carla

Correva l’8 marzo 2021 e Biancarosa Ciani, titolare del Bar Roma di via Bonatti, ha servito l’ultimo caffè ai suoi avventori. Da allora non ha più aperto. “Bianca, resisti”, oppure “Dove trovo adesso un caffè buono come il tuo?”. I “pizzini” lasciati i primi giorni sulla soglia dell’esercizio di via Bonatti, 11, con frasi di incoraggiamento dei clienti più fedeli, la dicono lunga sull’attaccamento dei forlivesi per il Bar Roma.

Quella serranda abbassata da quasi quattro mesi è motivo di preoccupazione per tanti, residenti e non, che temono sia calato per sempre il sipario sul pubblico esercizio più longevo di Forlì. Abbiamo rintracciato la titolare direttamente nella sua abitazione, posta in pieno centro storico. “Fanno un bell’effetto quei bigliettini – dichiara la signora, classe 1944 – anche perché mi mancano molto quei visi e quelle battute di inizio mattina, che mi hanno accompagnato quotidianamente per oltre 40 anni. Il problema è che alla mia età non riesco più a sostenere da sola un carico che inizia alle ore 6 e finisce alle 20”. Nel febbraio 2019, Biancarosa è stata premiata dall’amministrazione comunale per gli 80 anni di attività ininterrotta del locale.

Il Caffè Roma apre i battenti nel lontano 1939 per iniziativa di Mario e Dina Ciani, genitori di Biancarosa. Prima di cimentarsi nella nuova impresa, il padre aveva co-gestito il celeberrimo ed esclusivo Circolo “Clubino”. All’apice della seconda guerra mondiale, l’attività fu sospesa, per ripartire già nel 1945. Dopo la morte prematura del signor Ciani, la gestione è stata portata avanti dalla moglie. Ai bei tempi, il grande edificio di via Bonatti ospitava all’ultimo piano l’abitazione dei titolari, mentre il bar offriva anche una frequentata (e fumosa) sala biliardi. Al piano superiore si giocava a boccette e a carte e nel 1954 si aggiunse persino una saletta per la televisione: trasmissioni di successo come “Il Musichiere” e “Lascia o Raddoppia” radunavano decine di persone. Vi erano tavolini anche all’esterno e la signora Dina era aiutata nel servizio da diversi dipendenti. Alla fine degli anni ’60 si decise di ridimensionare gli spazi e di rinnovare l’arredamento, che è quello giunto ai giorni nostri. Nel 1976, alla morte della madre, tocca a Biancarosa portare avanti tutto da sola. La vera particolarità dell’edificio in cui è posto il bar, è visibile all’esterno e suscita ancora commozione: la facciata presenta tuttora i segni del bombardamento aereo del 25 agosto 1944, in cui persero la vita 75 forlivesi. Fra questi anche Carla Ciani, dieci anni, sorella maggiore di Biancarosa.

“Ero nata da pochi mesi – racconta la donna – e non mi posso certo ricordare, però me ne hanno sempre parlato i miei”. Al primo lancio di bombe, i coniugi Ciani si precipitarono fuori dal locale. Pochi secondi e una seconda bomba cadde proprio davanti al caffè, annientando la povera bimba. Biancarosa era in braccio alla madre: lo spostamento d’aria generato dall’ordigno scaraventò entrambe all’interno del locale, ma si salvarono. Dopo la tragedia, la famiglia sfollò a Fiumana. Quando ritornarono, alcuni mesi dopo, il bar era stato depredato di tutto. Ma ripartirono. “Non le dico e non scriva – insiste la signora Ciani - che ho chiuso per sempre, perché non ho ancora deciso”. L’ideale sarebbe ristrutturare e poi affittare a qualcuno che volesse rilanciare il locale, senza perdere la continuità di licenza. La signora chiede tempo: “Lasciatemi riflettere ancora un po’, sentiti anche gli altri comproprietari dell’immobile”.

162_BarRoma2_MariarosaCiani-2

162_BarRoma3_foto2014-2162_BarRoma4_TvLascia&Raddoppia-2162_BarRoma5_facciata.attuale.con.segni.bombard25ago1944-2162_BarRoma6-Piazza Saffi.prima.bombard25ago1944-1-2162_BarRoma7-Piazza Saffi.prima.bombard25ago1944-2-2

Si parla di

Che ne sarà del Bar Roma, il pubblico esercizio più longevo di Forlì?

ForlìToday è in caricamento