"Sono stata brava, ho prodotto poco rifiuto secco e... mi è arrivata la lettera di Babbo Natale con il regalo"

Continuano a far discutere le 12mila lettere inviate da Alea a chi produce poco rifiuto indifferenziato. Eleonora Ghetti non l'ha presa presa e parla a nome questa volta dei veri "Forlivesi perfetti"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "Piccolo manuale per il forlivese perfetto"

Questo "Piccolo manuale per il forlivese perfetto" nasce dalla voglia di sovvertire il pessimismo cosmico che aleggia a Forlì, con un pizzico di ironia - appuntita come la mia frangia! Sono dottoressa in Tecniche Erboristiche, orgogliosa commerciante del centro storico, gattara dentro... e assolutamente "unconventional"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Complimenti Eleonora per il video... perfetto! credo che meglio di così non si possa descrivere la situazione.

  • Io ho sono stato diversi mesi all' ospedale e ho passato altri mesi in convalescenza dalla mia compagna a Ravenna. Ho ricevuto anch'io la letterina minatoria, secondo loro dovrei spiegare i cavoli miei per giustificare il fatto che non ho prodotto rifiuto secco. Alla faccia della privacy!.Tra l altro il discorso della presunzione di colpevolezza non mi sembra molto costituzionale...

Torna su
ForlìToday è in caricamento