Mangiar bene s'impara!

Mangiar bene s'impara!

​Diabete, attenti anche a questi alimenti: i suggerimenti per ridurre lo zucchero nel sangue

Oggi voglio parlarvi di 5 alimenti che, per chi ha il diabete di tipo 2, dovrebbero esser "eliminati"

Tema molto moderno questo sul diabete, vero? Ormai sempre più clienti vengono in negozio a Forlì alla ricerca di prodotti senza zucchero, anche per i più piccini. La nostra alimentazione è tartassata quotidianamente da alimenti che possono, a lungo andare, portare sempre più persone a soffrirne. Oggi voglio parlarvi di 5 alimenti che, per chi ha il diabete di tipo 2, dovrebbero esser "eliminati". Assieme al vostro medico, se si conoscono le proprieta dei cibi, potete contenerne i danni, soprattutto attraverso la riduzione dello zucchero nel sangue.

Il riso in bianco è ricco di amidi. Esso ha un indice glicemico poiché è  costituito da amidi, e intatti ha un alto indice glicemico e che alzano il livello di zuccheri nel sangue. Quindi, niente pasta? Ma va, che scherzi, ma la si può preferire al dente, molto, oppure ottimi anche il riso basmati, integrale,  rosso e nero che contengono carboidrati più complessi che rilasciano meno zuccheri nel sangue .

La pizza perché c’è troppo sale, soprattutto quella preparata con farine molto raffinate e che, quindi, provocano un immediato aumento della glicemia. Non solo è ricca anche di grassi saturi e di sale, due aspetti che peggiorano il problema della ipertensione arteriosa e del sovrappeso, spesso presenti in chi soffre di diabete. Cosa scegliere? Si può ordinare una porzione ridotta oppure solo mezza, preferire la “pizza rossa” a quella con mozzarella, salame, patatine fritte e wurstel, oppure farla precedere da una semplice insalata. Le verdure contengono fibre insolubili che riducono l’assorbimento dei carboidrati e quindi il picco glicemico. 

Le patatine fritte, perché molto grasse. Lo so, sono buone, ma buone proprio e resistergli è davvero dura ma sappiate che sono un mix pericoloso di sostanze che contengono amidi semplici.  Ti piacciono le patate? Preferiscile lesse oppure al forno, con poco olio e sale. Lo so, non saranno uguali ma se hai voglia di qualcosa di croccante puoi sempre gustarti qualche verdura cruda.

I biscotti “senza zucchero” industriali in realtà, molto spesso nascondono una trappola per le persone con il diabete. Infatti alcuni prodotti in cui è detto “senza zucchero” in realta’ posso contenere edulcoranti come fruttosio e maltosio  che hanno anch’essi una notevole capacità di alzare la glicemia !  Inoltre sono preparati da grassi saturi per aumentarne il gusto. Cosa scegliere quindi? Preferite quelli artigianali senza zucchero, che potete trovare anche nel mio negozio, oppure cioccolato fondente oltre l’80%, o frutta secca come noci, mandorle, pistacchi, nocciole, anche in versione spalmabile, ma sempre al 100%.

Alcuni ortaggi perche sono zuccherini come barbabietole, pomodori maturi, peperoni e carote cotte : già, perchè in cottura la verdura perde le sue vitamine e gli amidi che contiene sono trasformati in zuccheri!  Preferiscila cruda, condita con succo di limone.

Detto ciò… se hai voglia di qualche dolcetto, come una fetta di torta o del gelato, piuttosto che centellinare tutti i giorni biscottini e  dolcetti, concediti ogni tanto una porzione di dolce che fa meno danni al pancreas che mangiarne quotidianamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

alimentazione-sana-2

Mangiar bene s'impara!

Sono Claudia, amo la cucina, il fitness, l'alimentazione e seguo uno stile di vita sano e attivo. La mia giornata si articola fra un bilanciere, un circuito hit , i fornelli e una ciotola di avena. Mi piace informarmi, studiare e curiosare fra libri, video e blog di nutrizione. Le diete? Quelle famose provate tutte! Per giungere a quale conclusione? Che il nostro benessere comincia a tavola ! La ricetta segreta? 100 grammi di determinazione, 50 grammi di amore, 30 grammi di inventiva, 10 grammi di capacità e un pizzico di sana follia! Ed è grazie ad essa che ho aperto la FIT BAKERY a Forlì. E la vita cominciò con un peccato di gola ...!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ForlìToday è in caricamento