Inferno di fuoco al Robinson Pet, preso il piromane: decisive le telecamere

Il piromane è stato assicurato alla giustizia martedì pomeriggio: l'uomo è stato arrestato in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip lo scorso 2 ottobre

Svolta nelle indagini della Squadra Mobile di Forlì, diretta dal dirigente Enzo Tarquini, relative agli attacchi incendiari subìti dal Robinson Pet Shop in viale Roma. Il piromane è stato assicurato alla giustizia martedì pomeriggio: si tratta di un 49enne, già noto alle forze dell'ordine, arrestato in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari il 2 ottobre, in quanto fortemente indiziato di aver appiccato il rogo che, nella notte del 1 ottobre, ha devastato gran parte dell’esercizio commerciale. Il 49enne venne già arrestato nel 2019 per aver saccheggiato e vandalizzato nel 2018 l'immagine della Madonna del Fuoco custodita nel seminario di via Lunga

Telecamere decisive

Decisive sono state le immagini del sistema di videosorveglianza appena installate e l’attenta conoscenza degli ambienti criminali da parte dei poliziotti. Gli investigatori, infatti, nonostante l’incendio non fosse ancora definitivamente estinto, sono riusciti, anche grazie alla collaborazione delle vittime, a sottrarre alla devastazione il server che aveva registrato le immagini, benché le telecamere fossero già completamente distrutte. Dalla visione scrupolosa dei filmati è emersa la sagoma di un uomo che, dopo aver acceso un oggetto con un accendino, ha lanciato l’innesco verso una pila di cartoni accatastati nel piazzale, luogo da dove si è propagato l’incendio.

Le indagini

La visione attenta e ripetuta dei filmati ha consentito di riconoscere il 49enne come autore dell’azione criminale. Peraltro l’individuo, la stessa notte e poco dopo le 4, era stato identificato da un equipaggio delle Volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale in un bar poco distante dal luogo dell’incendio. La mattinata seguente sono stati raccolti e sequestrati anche gli stessi indumenti che l’incendiario indossava al momento del rogo. Il piromane è stato rintracciato all’interno della propria abitazione mentre stava dormendo. Dopo essere stato condotto in Questura, è stato associato in carcere. Il movente? A quanto pare contrasti con i proprietari del negozio dove aveva lavorato come tirocinante nell'ambito di un progetto di recupero per ex carcerati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Video - La titolare: "Ripartiremo più forti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per un numero sfiora il colpo da 500mila euro: giovane gioisce con una vincita al 10eLotto

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Coronavirus, possibile stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Covid-19, test sierologici rapidi gratis per studenti e famiglie: l'elenco delle farmacie

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento