Sospetto caso di Dengue in Romagna, il paziente tornava dall'estero. Scatta il piano di disinfestazione

La febbre Dengue è un’arbovirosi causata da 1 dei 4 sierotipi di virus Dengue, la cui trasmissione non è da uomo a uomo, ma esclusivamente attraverso punture di zanzare infette

Un altro sospetto caso di dengue in Romagna. A renderlo noto è il sindaco di Galeata, Elisa Deo, informata del fatto dal Dipartimento di Sanità Pubblica forlivese del Servizio Sanitario Regionale dell'Emilia Romagna. La persona, residemte nella località della val Bidente, ha manifestato i sintomi al ritorno da un viaggio all'estero. La febbre Dengue è un’arbovirosi causata da 1 dei 4 sierotipi di virus Dengue, la cui trasmissione non è da uomo a uomo, ma esclusivamente attraverso punture di zanzare infette del genere Aedes (tra cui la zanzara tigre), che pungono prevalentemente di giorno.

Per questo, come da indicazioni contenute nel "Piano Regionale di Sorveglianza e Controllo delle Arbovirosi - Anno 2019", il Comune di Galeata si è immediatamente attivato in accordo con il Dipartimento di Sanità Pubblica per la lotta al vettore: "Venerdì sera sono iniziati nel territorio comunale i trattamenti di disinfestazione contro le zanzare ed altri insetti", informa Deo.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento