rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
100 e maturi

Tomasz racconta la sua lode allo Scientifico: "I prof mi hanno indirizzato nella direzione giusta"

"Il mio interesse principale è l’Informatica, ho imparato diversi linguaggi di programmazione e creato tanti piccoli progetti, ma mi piace anche la Storia specialmente quella locale", racconta Tomasz

"Sono uno studente appassionato e dedito". Si descrive così Tomasz Jarzabek, liceale dello Scientifico che ha concluso il suo percorso di studi con tanto di lode. "Il tratto che più mi ha caratterizzato nel mio percorso scolastico è stato la curiosità che mi ha portato sempre ad approfondire le nozioni apprese a scuola e a ricercarne di nuove da solo", racconta.

Quali sono i suoi interessi?
Il mio interesse principale è l’Informatica, ho imparato diversi linguaggi di programmazione e creato tanti piccoli progetti, ma mi piace anche la Storia specialmente quella locale. Recentemente infatti ho raccolto le testimonianze dei Dovadolesi riguardanti la Seconda Guerra Mondiale e la Liberazione da parte del Secondo Corpo Polacco. Ultimamente mi sono appassionato molto alla matematica addentrandomi nel campo dei Frattali. I miei hobby sono la mountain bike e l’escursionismo.

Perché ha scelto il liceo Scientifico?
Ho scelto il Liceo Scientifico perché mi sento più propenso alle materie scientifiche e per la buona preparazione in vista dell’università. Inoltre mi ha attirato l’opzione Scienze Applicate che prevede anche l’Informatica, ovviamente a scuola abbiamo fatto solo le basi, ma è comunque una buona partenza per ciò che voglio studiare.

E' stato un cammino faticoso?
Non userei il termine faticoso, piuttosto direi impegnativo. Il Liceo è una scuola che richiede molto impegno e voglia di studiare. Certamente ci sono stati periodi difficili e pieni di verifiche, ma questi poi sono stati ricambiati da altri di quiete relativa, ovviamente bisogna studiare durante tutto l’anno scolastico perché se si rimanda all’infinito dopo diventa un cammino faticoso.

Lei si è diplomato con la lode. Le materie hanno esaltato le sue qualità o c'è altro?
Naturalmente la scuola è soltanto una parte di me, tuttavia ottengo dei buoni risultati perché riesco a coinvolgere la mia personalità anche in questo percorso. La lode è un grande riconoscimento che riassume in modo adeguato l’impegno e la passione che ho impiegato in tutti gli anni di studio al Liceo. Ci sono materie che hanno stimolato la mia curiosità e che ho approfondito anche nel tempo libero, sia partecipando a progetti che per conto proprio. Quindi direi di sì, ma più delle materie sono stati gli insegnanti a farlo, mi sono trovato molto bene e spesso mi hanno indirizzato nella direzione giusta. Molte persone hanno notato le mie qualità come chi mi ha assegnato la mia prima borsa di studio, penso che questi incentivi siano cruciali nello sviluppo dei giovani talenti.

Ha dato più del "tu" o del lei alla didattica a distanza?
Direi più del “tu”, credo di aver imparato molto in quel periodo, ho sfruttato tutte le possibilità offerte dalla scuola sotto forma di corsi online a cui normalmente non avrei potuto assistere a causa delle limitazioni legate all’isolamento geografico. Ho anche incominciato a studiare altre lingue oltre all’inglese su base quotidiana, un elemento chiave della mia routine che mi accompagna fino ad oggi.

Cosa rimpiange degli ultimi due anni?
Non penso di avere dei rimpianti in particolare, naturalmente mi mancheranno i miei compagni e i miei professori; tuttavia è arrivato il momento di proseguire all’Università che è un altro ambiente.

Proseguirà negli studi?
Sì, continuerò a studiare nell'ambito dell'Informatica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tomasz racconta la sua lode allo Scientifico: "I prof mi hanno indirizzato nella direzione giusta"

ForlìToday è in caricamento