A 24 anni sta per realizzare il suo sogno nel cassetto: un "centro benessere" per i cani

Per come la descrive sarà una vera e propria “spa” da far invidia ai padroni, tutta volta al benessere dell'animale. Il centro vedrà presto la luce, nel mese di settembre

“I cani non sono una passione, ma la mia vita. Ci sono nata nel mezzo e non ho un solo ricordo dove non ci siano anche loro. Per me sono essenziali, sono come ossigeno. Infatti faccio di tutto con i miei 15 cani, dalle coccole allo sport, dal gioco alle competizioni, ma il mio primo pensiero è sempre e solo che stiano bene e siamo appagati”: è così che si presenta Chiara Capanni, 24 anni, una grande passione per gli amici a 4 zampe e un sogno nel cassetto che sta per diventare realtà: un centro benessere per cani.

Per come la descrive sarà una vera e propria “spa” da far invidia ai padroni, tutta volta al benessere dell'animale. Il centro vedrà presto la luce, nel mese di settembre. Attualmente Chiara Capanni gestisce una toelettatura, che andrà a chiudere per includerla in un progetto più vasto che nascerà su via Cervese. “Siamo nel momento in cui si rompe tutto: in pieno nei lavori, contiamo di aprire per il primo settembre”, spiega con entusiasmo la promotrice.

Spiega quindi la novità: “La novità assoluta di questo nuovo progetto è che non sarà più una semplice toelettatura ma un vero e proprio centro benessere per animali e sarà il primo nella nostra regione. Vuole essere un progetto totalmente volto al rispetto etico del cane e della sua tipologia di pelo e cute. Ci saranno trattamenti molto particolari come la massoterapia (massaggi, verrà una professionista esterna che è specializzata e fa solo questi), ozonoterapia, idromassaggio, cromoterapia, ossigenoterapia, bagni e trattamenti con olii essenziali e fanghi termali”. E non è finita: “Incrociamo le dita perché stiamo aspettando di avere la certezza, ma dovrebbe esserci anche una nutrizionista che darà consigli sulla nutrizione del cane o del gatto”.

Ha solo 24 anni, ma le idee già chiare. Chiara Capanni spiega di aver sempre lavorato nel mondo del Pet: “Sono nata in un allevamento di cani e ho sempre partecipato in prima persona alla crescita dei cuccioli e alle esposizioni cinofile, mentre a 14 anni ho avuto la prima opportunità di entrare in canile come volontaria per aiutare per le adozioni, devo dire che con mio grande piacere che hanno trovato tutti casa nel primo giorno di Open Day che fu organizzato.  Successivamente ho lavorato per 4 anni in negozi per animali. Ho avuto la possibilità di fare un esperienza all'estero, nello specifico in America dove ho lavorato per 6 settimane come ragazza alla pari in un allevamento di husky i cui proprietari sono anche famosi professional handlers (coloro che presentano i cani in esposizione, ndr), qui ho avuto possibilità di iniziare a formarmi come si deve riguardo alla toelettatura e al mantenimento del mantello dei cani. Poi ho rilevato una toelettatura qui a Forlì, dove per mesi ho affiancato il proprietario precedente prima di aprire”. 

Capanni ha anche le abilitazioni necessarie come per esempio il corso del benessere animale previsto dalla 5 del 2005 dell'Emilia Romagna, e poi per il primo soccorso animale, per la gestione degli aggressivi e è “diplomata” istruttrice cinofila dopo un corso di 600. Assieme ai lavori per il centro benessere tante attese: “Ci aspettiamo che sia un progetto che piaccia tanto visto che Forlì è una città dove i proprietari risultano molto attenti alla salute dei loro cari amici a quattro zampe, tanto che abbiamo come obbiettivo di aprire una seconda sede con servizi diversi (sempre volti al benessere del cane) se questa avrà successo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento