menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Forlì l'ospedale più "innovativo": non più suddiviso in reparti

"Le Regioni vogliono interpretare il confronto in corso in queste settimane sul Patto per la Salute lavorando sui temi della qualità e dell'innovazione". Lo ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna

“Le Regioni vogliono  interpretare il confronto in corso in queste settimane  sul Patto per la Salute lavorando sui temi della qualità e dell’innovazione”. Lo ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni Vasco Errani nel dialogo che si è svolto con il ministro della salute Renato Balduzzi a conclusione del convegno “L’assistenza ospedaliera per intensità di cura” oggi a Bologna.

 

Un ospedale non più strutturato come da tradizione in unità operative, in base alla patologia e alla disciplina medica, ma organizzato in aree che aggregano i pazienti in base alla maggiore o minore gravità del caso e al conseguente livello di complessità assistenziale. E' il “modello di assistenza ospedaliera per intensità di cura” – di cui si è parlato oggi a Bologna nel corso del convegno organizzato dalla Regione Emilia-Romagna -  un modello che vuole coniugare meglio sicurezza, efficienza, efficacia ed economicità dell’assistenza. L’ospedale “per intensità di cura” supera il concetto di Reparto o di Unità operativa per garantire la più completa integrazione delle diverse competenze professionali necessarie per trattare le patologie di pazienti con uguale livello di bisogno assistenziale. Al medico maggiormente correlato alla patologia chiave del paziente resta in capo la responsabilità di tutto il percorso diagnostico e terapeutico; all’infermiere è affidata la gestione assistenziale per tutto il tempo del ricovero.

 

La centralità del paziente è dunque l’elemento guida: attorno a lui ruota l'ospedale, si muovono i professionisti invertendo la logica tradizionale per cui era il paziente ad essere allocato secondo un'appartenenza disciplinare. La sperimentazione  in Emilia-Romagna è avviata e riguarda 8 Aziende sanitarie che hanno risposto a un bando del Fondo per la modernizzazione (uno dei quattro programmi di ricerca e innovazione del Servizio sanitario regionale), promosso dall’Agenzia sanitaria e sociale regionale. Si tratta  di: Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma,  Azienda Usl di Bologna, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, Azienda Usl di Imola, Azienda Usl di Forlì, Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia e Azienda Usl di Piacenza.

 

La sperimentazione è accompagnata da uno specifico supporto formativo garantito dalla Regione ai referenti di ogni Azienda sanitaria sede di sperimentazione. Questa nuova modalità organizzativa, fortemente basata sul lavoro di gruppo, è stata sperimentata già da alcuni anni in Regioni come la Toscana, la Lombardia e anche la Liguria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento