rotate-mobile
Cultura

A "Salotto blu" la scrittrice Margherita Lollini racconta la strage di Sant'Anna di Stazzema

Margherita Lollini, narratrice, partendo dal diario, recentemente ritrovato, di un uomo che per caso fortuito sopravvisse alla strage (nella quale  invece perirono la moglie e i figli), ha scritto un avvincente libro, pubblicato da Minerva, dal titolo "La montagna di fuoco"

La località delle Alpi Apuane fu teatro di uno dei più crudeli  episodi della Seconda Guerra Mondiale. Cinquecento sessanta civili, inermi, furono uccisi in modo criminoso dagli occupanti nazisti. Margherita Lollini, narratrice, partendo dal diario, recentemente ritrovato, di un uomo che per caso fortuito sopravvisse alla strage (nella quale  invece perirono la moglie e i figli), ha scritto un avvincente libro, pubblicato da Minerva, dal titolo "La montagna di fuoco". Ne ha parlato con Mario Russomanno nel corso della trasmissione televisiva che andrà in onda stasera alle 23 sul canale 99 del digitale terrestre, descrivendo retroscena del tragico episodio. "Angelo, il sopravvissuto, - ha spiegato Lollini - riuscì a costruire una nuova famiglia, ma sua figlia racconta che il padre, nel costante ricordo della tragedia, non ebbe mai vera pace. Viveva preferibilmente nel silenzio, non riusciva neppure ad ascoltare musica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A "Salotto blu" la scrittrice Margherita Lollini racconta la strage di Sant'Anna di Stazzema

ForlìToday è in caricamento