"L'abbazia di San Benedetto in Alpe non è accessibile: situazione preoccupante"

"La chiusura permanente dell'edificio crea pregiudizio al suo stato di conservazione, per proteggere il quale sono state recentemente concluse opere di restauro pagate con i pubblici denari", afferma lo storico Massimo Ragazzini

La chiesa di San Benedetto in Alpe "da alcuni mesi non è accessibile". E la situazione, "col trascorrere del tempo, sta diventando sempre più incresciosa e preoccupante". Esordisce così la lettera che lo storico Massimo Ragazzini ha inviato all'ingegnere Antonio Ottavio Ficchì, direttore dell'agenzia del Demanio dell’Emilia-Romagna, al vescovo Lino Pizzi. "Ricostruita agli inizi del XVIII secolo, successivamente al collasso di larga parte del precedente edificio, la chiesa contiene i resti di una delle più antiche abbazie benedettine; l’originario edificio medievale, infatti, non è andato completamente perso e alcune sue parti sono ancora oggi ben visibili", afferma Ragazzini.

"La chiusura permanente dell’edificio crea pregiudizio al suo stato di conservazione, per proteggere il quale sono state recentemente concluse opere di restauro pagate con i pubblici denari - aggiunge -. Inoltre, essendo ormai divenute numerose le persone che, in ogni periodo dell’anno, si recano a San Benedetto per visitare la chiesa, conosciuta e studiata dagli storici, dai letterati e dagli storici dell’arte, la chiusura provoca un rilevante danno alla già precaria economia locale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Poiché il paese deve il suo stesso nome alla secolare abbazia, essa costituisce anche un elemento identitario e un patrimonio comune per tutti gli abitanti, a prescindere dagli orientamenti religiosi di ciascuno: l’impossibilità di accedervi sta quindi generando nei sanbenedettini un forte senso di sfiducia nei confronti dei pubblici poteri - conclude lo storico -. Ritengo che le amministrazioni competenti in materia debbano, nell’ambito delle loro possibilità, adottare i provvedimenti idonei per un tempestivo ripristino dell’accessibilità quotidiana alla chiesa".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Invasione di vespe e calabroni: i Vigili del fuoco tempestati dalle richieste di intervento

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • La consegna del pane si conclude nella scarpata, fornaio ferito all'alba nello schianto

  • Rogo nella cucina di un appartamento del terzo piano, evacuata una donna

  • Coronavirus, un nuovo caso nelle ultime 24 ore. La Regione: "Attenzione ai viaggi anche in Europa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento