Abbonamenti non goduti causa lockdown, già 4700 voucher rilasciati da Start Romagna

L'azienda fa sapere che degli oltre 4.700 voucher rilasciati, più di 4.600 si riferiscono ad abbonamenti studenti

Sono già più di 4.700, oltre il 18 per cento degli aventi diritto, i voucher rilasciati da Start Romagna in una sola settimana, da quanto sono attive le procedure online di rimborso per gli abbonamenti mensili o annuali non goduti durante il lockdown causato dal Covid. Il portale predisposto da Start Romagna sta rispondendo con efficienza alle richieste pervenute e il servizio customer, opportunamente potenziato, sta supportando in tempi strettissimi i clienti che hanno necessità di informazioni sui requisiti necessari per l’ottenimento del voucher e quelli che hanno difficoltà nella compilazione del form online. Degli oltre 4.700 voucher rilasciati, più di 4.600 si riferiscono ad abbonamenti studenti. Sono invece circa 20mila gli accessi della settimana alla pagina online dedicata e migliaia le telefonate e mail ricevute dai 12 operatori presenti al call center e formati da Start Romagna.

Gli aventi diritto possono fare richiesta fino al 30 novembre 2020 (le modalità sul sito https://www.startromagna.it/coronavirus/), i voucher potranno essere spesi entro un anno dalla loro emissione e a partire dal 26 agosto, quando si avvierà la vendita degli abbonamenti per l’anno scolastico 2020-2021.

Hanno diritto al rimborso, secondo quanto previsto dal Decreto Rilancio (n.128 del 19.5.2020, art. 215) e dalle successive disposizioni regionali, gli abbonati mensili (in questo caso la richiesta va presentata presso i Punto Bus di Start Romagna) ed annuali, studenti e lavoratori, che non hanno potuto usufruire dei rispettivi abbonamenti durante il periodo del lockdown. In particolare, per gli studenti il periodo è quello compreso tra il 23 febbraio ed il 3 giugno 2020, mentre per i lavoratori va dall’8 marzo al 17 maggio 2020. Non è previsto rimborso per i biglietti di corsa semplice e i carnet (multicorsa) validi sui bus urbani ed extraurbani in quanto per questi titoli di viaggio impersonali non è prevista una scadenza di utilizzo.

Il periodo di mancato utilizzo del trasporto pubblico deve essere continuativo: non è ammesso il rimborso per periodi caratterizzati dall’occasionale utilizzo dei mezzi, per esempio nei casi in cui lo smart working sia stato intermittente, o qualora lo studente abbia comunque utilizzato il servizio nel periodo indicato per i suoi spostamenti al di fuori del percorso casa scuola. Le dichiarazioni fatte dai clienti attraverso il form da compilare saranno oggetto di controlli da parte dell’azienda.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Forlì usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

  • Guasto al congelatore dell'ospedale, andate perse 800 dosi del vaccino stoccato a Forlì

  • Coronavirus, palestre ancora chiuse. "Contagi ancora alti. La riapertura è lontana"

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

  • Riapre per pochi giorni il temporary outlet di Flamigni per vendere le scorte di panettoni e pandori

Torna su
ForlìToday è in caricamento