Accoltella un militare in piazza del Popolo a Ravenna: aveva annunciato tutto su Facebook

L'accoltellatrice, poi arrestata, è una 44enne già residente a Galeata e di passaporto moldavo. E' stata arrestata con l'accusa di tentato omicidio.

Lo aveva annunciato su Facebook poco prima dell'aggressione. "Oggi Bomba a Ravenna! Corleone 777! Generale Russo Cazacu Elena Ivan". Una sorta di annunciazione di quello che, di lì a poco, avrebbe commesso e che poteva costare la vita al 42enne comandante di vascello Diego Tomat in piazza del Popolo a Ravenna, al termine delle prove per le celebrazioni del 2 giugno, festa della Repubblica. GUARDA IL VIDEO DELLA FEROCE AGGRESSIONE RIPRESA DALLE TELECAMERE

Il fatto

Mentre le forze dell'ordine stavano concludendo le prove all'improvviso una donna si è scagliata contro un militare della Guardia Costiera, il Comandante di Vascello Diego Tomat, che si trovava in testa al corteo, brandendo un coltello a lama lunga e provocandogli qualche ferita al viso e al collo. Lui è riuscito a difendersi e subito la Polizia municipale ha bloccato la donna, con il comandante Andrea Giacomini che l'ha immediatamente ammanettata, mentre il 42enne ferito è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Ravenna. L'accoltellatrice, poi arrestata, è Elena Cazacu, 44 anni, residente a Galeata (FC) e di passaporto moldavo. E' stata arrestata con l'accusa di tentato omicidio.

screenshot-aggressione-ravenna-moldava-2

L'uomo è stato poi dimesso in tarda mattinata e ha manifestato la volontà di partecipare, come da programma, alle celebrazioni di domenica. Ancora ignote le cause del folle gesto; dalle prime informazioni la donna soffrirebbe di disturbi mentali. Dopo essere stata ammanettata avrebbe iniziato a urlare e inveire contro le forze dell'ordine dicendo di avere "amicizia importanti in Russia". Ora verrà sottoposta a esami psichiatrici. 

Già nota alle forze dell'ordine

La donna, 44 anni, è ben conosciuta dalle forze dell'ordine della vallata del Bidente. Già per due volte, negli ultimi anni, i carabinieri erano stati costretti ad intervenire per bloccarla durante delle sfuriate violente nei confronti del compagno di allora ed aveva già subito due ricoveri, l'ultimo dei quali lo scorso novembre. La donna rimase ricoverata in psichiatria a Forlì per un paio di settimane, fino a quando i famigliari non vennero a riprenderla dalla Moldavia. Da circa un paio di anni non era più presente a Galeata, sebbene abbia conservato qui la sua residenza italiana.

La vicinanza del sindaco al comandante

"Ho chiamato il Comandante di Vascello Diego Tomat per esprimergli il massimo della solidarietà e della vicinanza da parte di tutta la città - commenta il sindaco Michele de Pascale - L'Ufficiale è stato portato al pronto soccorso e fortunatamente non ha riportato lesioni gravi.  Un grande ringraziamento alla Polizia Locale che, intervenendo prontamente, ha evitato il peggio e ai Carabinieri sempre pronti a fornire un importante supporto". Alle 17 di venerdì in Prefettura a Ravenna si è tenuta una riunione d'urgenza con tutte le forze dell'ordine sull'ordine pubblico per il grave fatto avvenuto in mattinata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Folle velocità, schianto e cappottamento in Tangenziale: guidava con una patente falsa

Torna su
ForlìToday è in caricamento