menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutti pronti per la 'mazzata' Tares: la prima rata si pagherà entro il 31 luglio

Dal 1 gennaio 2013, come ormai è ben chiaro, la Tia, tariffa rifiuti per il servizio di igiene ambientale, è stata sostituita dalla Tares , tassa sui rifiuti e servizi indivisibili

Dal 1 gennaio 2013, come ormai è ben chiaro, la Tia, tariffa rifiuti per il servizio di igiene ambientale, è stata sostituita dalla Tares , tassa sui rifiuti e servizi indivisibili. Tale tributo, istituito dal decreto Salva Italia nel novembre 2011, prevede una quota per i servizi indivisibili, attraverso una maggiorazione pari a 0,30 euro per metro quadro, che sarà interamente devoluta allo Stato. Nel 2013, in attesa dei regolamenti, il pagamento della tassa è stato sospeso per il primo semestre. E' in via di emissione la prima rata di acconto della Tares. Il recapito avverrà nei primi giorni di luglio.

Il tributo, di esclusiva competenza comunale, sarà riscosso da Hera che lo riverserà nel conto di Tesoreria del Comune.  Il Comune di Forlì intende affidare, dunque, ad Hera l’emissione delle prime due rate di acconto della Tares , relative al primo e secondo quadrimestre del 2013, e del conguaglio, che comprenderà la maggiorazione, se non interverranno modifiche normative da parte del Governo, che sta esaminando la questione con l’intento di disciplinare i tributi nell’ambito delle imposte sulla casa. Tali modifiche sono state sollecitate dall’amministrazione comunale, “che ritiene iniquo e non progressivo tale prelievo, che penalizza i cittadini e le amministrazioni virtuose in termini ambientali, aggiungendo al costo del servizio rifiuti una quota per coprire i costi di servizi indivisibili: verde pubblico, illuminazione pubblica”.

L'assessore all'Ambiente, Alberto Bellini afferma: “La mia posizione è durissima, si tratta di un tributo assolutamente iniquo, tanto che tutto il consiglio comunale ha votato l'abolizione dell'addizionale. A mio parere questo aumneto demotiva le buona pratiche ambientali. Da un tributo ci si aspetta progressività, è una 'tassa sui morti', come ha scritto Il sole 24 ore. Una tassa calcolata a mq, che non è basata sul catasto o sul reddito. Noi ci sentiamo i gabellieri per lo Stato, senza la possibilità di introdurre variazioni”.

COME FUNZIONA IL PAGAMENTO
Il versamento del tributo TARES per l’anno 2013 avverrà in 3 rate con le seguenti scadenze:

1^ rata – acconto - 31 luglio 2013 (comprende i mesi da gennaio ad aprile)

2^ rata – acconto - 30 settembre 2013 (comprende i mesi da maggio ad agosto)

3^ rata – saldo - 31 dicembre 2013 (comprende i mesi da settembre a dicembre + conguaglio
tariffe 2013 e maggiorazione statale per servizi indivisibili 0,30 €/mq)

L’importo delle rate in acconto del tributo , ai sensi di legge, sarà determinato nella misura di
4/12 per ogni rata, in rapporto all’ammontare TIA dovuto complessivamente per l’anno 2012
per le utenze attive nel 2012 o, per le nuove posizioni dal 01/01/2013, tenendo conto delle tariffe applicate nell’anno 2012. Gli acconti saranno scomputati, ai fini della determinazione della terza e ultima rata del tributo, dall’importo complessivo dovuto applicando le tariffe Tares 2013.

Hera Spa procederà all'emissione degli avvisi di pagamento ed al recapito in tempo utile per la
scadenza delle rate: la prima rata in acconto sarà recapitata nei prossimi giorni mentre la seconda rata sarà recapitata a settembre. Le due rate in acconto del tributo Tares saranno riversate da Hera nel conto Tesoreria del Comune. Le modalità di pagamento delle due rate di acconto sono le medesime della Tia applicata in precedenza: domiciliazione su conto corrente bancario o postale (restano validi i riferimenti già utilizzati), sportelli bancari o postali con bollettino prestampato, con carta di credito direttamente dal sito www.gruppohera.it, accedendo a Hera online, presso gli sportelli Bancomat Unicredit, nelle ricevitorie Lottomatica e Sisal abilitate, alle casse dei Punti vendita Coop abilitati.

Per ogni ulteriore informazione sul nuovo tributo si potrà quindi continuare a rivolgersi a Hera, che mette a disposizione, oltre alla rete degli sportelli (a Forlì in Via Balzella, 24), un numero verde dedicato alla Tares, 800.999.004, che offre risposte chiare ed aggiornate relative a questo tributo. Il servizio Clienti è a disposizione dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 13.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento