menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ad un anno del referendum l'acqua resta nelle mani dei privati"

I comitati ricordano “che il 12 e 13 giugno 2011 la maggioranza assoluta del popolo italiano ha votato “si” ai quesiti referendari relativi alla gestione del servizio idrico"

I comitati Acqua Bene Comune delle Province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna chiedono l’attivazione di un “Tavolo acqua bene comune Romagna” al fine di definire modalità, percorsi, finanziamenti e tempi per la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato. Il Tavolo, oltre che alle istituzioni, dovrà essere aperto anche alle organizzazioni sindacali, dei consumatori e ai Comitati Acqua Bene Comune.

I comitati ricordano “che il 12 e 13 giugno 2011 la maggioranza assoluta del popolo italiano ha votato “si” ai quesiti referendari relativi alla gestione del servizio idrico, con i quali si proponeva l’uscita della gestione dell’acqua dalle leggi del mercato e l’uscita dei profitti dalla gestione dell’acqua” e che “il rispetto dell’esito referendario chiede a tutti gli enti locali, singoli ed associati, di compiere gli atti e le azioni conseguenti per intraprendere una piena gestione pubblica del servizio idrico e il suo riconoscimento come servizio di interesse generale privo di scopi di lucro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento