menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroporti, chiusa l'avventura 'Sar': 1,5 milioni in rosso

La Sar, la 'Società aeroporti romagnoli', lo strumento della Regione per promuovere una holding degli scali regionali, ha chiuso i battenti con un milione e mezzo di euro di passivo

La mancata integrazione degli scali regionali ha un il suo costo. La Sar, la 'Società aeroporti romagnoli', lo strumento della Regione per promuovere una holding degli scali regionali, ha chiuso i battenti con un milione e mezzo di euro di passivo. A un certo punto si era perfino preso a chiamarla 'Saer', aggiungendo con la 'e' la volontà di integrare gli aeroporti emiliano-romagnoli, vale a dire anche a Bologna). Ora, invece, per Stefano Gagliardi, coordinatore del PdL si tratta dell' “ennesimo esperimento di manipolazione finanziaria messo in atto dal PD novello Re Mida è fallito”.

 

Dice Gagliardi: “La Società Aeroportuale Romagnola, ennesima società partecipata creata con l’illusorio intento di integrare il sistema aeroportuale romagnolo ha chiuso i battenti a causa certo della mancata partecipazione di Rimini ma soprattutto della cronica ed illusoria mancanza di capacità gestionali, idee e coordinamento del PD. Un milione e mezzo di euro ha preso il volo, ma senza aereo, ritenendo di trasformare un semplice strumento in fonte di ricchezza, la storia come prevedibile è finita con il più classico sperpero di risorse pubbliche”.

 

Conclude: “Lo schema è ormai tristemente noto: si creano società e le si finanzia con i soldi di tutti, pensando che questo sia sufficiente ad attivare un ciclo economico virtuoso, in realtà si chiude tutto senza aver raggiunto alcuno scopo esaurendo, quando va bene tutto il capitale sociale, in questo caso 1,5 milioni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento