Il Ridolfi ora ha il "certificato di aeroporto", la ripartenza? "Entro l'autunno". In arrivo i pompieri

Vigili del fuoco operativi già nel mese di agosto e ritorno dei voli commerciali “entro la fine dell'autunno”: è la tabella di marcia per l'aeroporto Luigi Ridolfi

Vigili del fuoco operativi già nel mese di agosto e ritorno dei voli commerciali “entro la fine dell'autunno”: è la tabella di marcia per l'aeroporto Luigi Ridolfi, indicata durante la consegna del “certificato di aeroporto” da parte di Alessio Quaranta, direttore generale di Enac. Lunedì mattina la sala check-in dello scalo ha accolto la cerimonia alla presenza delle autorità cittadine. Un pro-forma, che però è molto importante: con quel documento “incorniciato” nell'ufficio del presidente, infatti, lo scalo può ufficialmente riaprire, dopo 7 anni di stop. Con l'attestato l'aeroporto torna nuovamente ad essere idoneo ai voli commerciali sia passeggeri che merci effettuati con aeromobili ‘grandi’ ovvero adibiti al trasporto di più di 10 persone e dal peso di oltre 5 tonnellate. E' il termine di un iter burocratico che permette all'aeroporto di Forlì di riaffacciarsi sui cieli.

Le reazioni politiche: "Un punto di partenza per il futuro della città"

Lo fa in un momento quanto mai difficile, ne è consapevole il presidente di FA Srl Giuseppe Silvestrini: “Lo facciamo in un 2020 imprevedibile, ma sta a noi mitigare gli effetti del Covid che ricadranno sui nostri figli e sui nostri nipoti. Il nostro contributo è la riapertura di un piccolo aeroporto”. Silvestrini ha lodato la collaborazione pubblico-privato per la riapertura dello scalo e ha ancora una volta precisato che il Ridolfi vuole essere “risorsa aggiuntiva e non alternativa” nel sistema aeroportuale regionale. Lo spazio, gli fa eco Alessio Quaranta, consegnando il certificato di aeroporto, c'è per tutti: “Quattro aeroporti in una regione non sono strutture ridondanti, ma infrastrutture fondamentali per lo sviluppo, a patto di orientare le vocazioni dei singoli scali verso una complementarietà e non una dissennata concorrenza”. Il direttore di Enac, inoltre, ha riconosciuto alle forze istituzionali di Forlì “una sintonia che va al di là delle appartenenze politiche e delle maggioranze del momento”.

Per Quaranta, lo scalo forlivese, “sarà una riserva utile quando prima o poi, noi speriamo più prima che poi, il traffico aereo torni a crescere dopo questo periodo”. Ma non solo: “A Forlì c'è un polo tecnologico aeronautico che fa invidia”. I due obiettivi – polo tecnico e formativo per l'aeronautica civile e scalo passeggeri – sono complementari nei piani di FA Srl. Sintetizza i piani Sandro Gasparrini, amministratore delegato di FA Srl: “Nelle prossime settimane ci sarà l'insediamento effettivo di uomini e mezzi dei vigili del fuoco che potranno iniziare a fare le loro prove ed esercitazioni (l'operatività è prevista per fine agosto, ndr). Nel frattempo non staremo fermi: termineremo gli arredi, testeremo i sistemi informatici, formeremo il personale”. I due pilastri del progetto restano il polo formativo e tecnico (“Lavoriamo per una base di manutenzione per aeromobili Airbus e Boeing”, sempre Gasparrini), e il traffico passeggeri, specificando che “la filosofia è stata già indicata: non replicare spazi che altri stanno cercando di avere con un lavoro sul campo”. E come pubblico di viaggiatori? “Non c'è solo il turismo, ma anche altra utenza. Per il turismo c'è tutta l'area dell'entroterra da valorizzare per il traffico incoming”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La società di gestione Fa Srl si è inoltre strutturata anche per gestire direttamente i servizi di assistenza a terra dei voli che saranno possibili grazie alla ‘Certificazione Handling’, prossima al rilascio. Una volta ottenuta sarà possibile riprogrammare i voli di linea all’aeroporto Ridolfi. Lunedì è atterrato anche il primo aereo di grosse dimensioni dopo sette anni dall’ultimo volo: si tratta di un Boing 737 400 della compagnia maltese Air Horizont, che stazionerà al Ridolfi nei prossimi mesi.

Forlì si candida per la scuola dell'Enac, l'ente nazionale dell'Aviazione civile

Video - Il direttore di Enac: "Spazio per tutti gli aeroporti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Coronavirus, focolaio in una ditta di Forlì: i positivi sono undici

  • Morto sulla Bidentina, Andrea superò un grave incidente. La sua esperienza per un progetto per giovani

  • Riapre con una nuova gestione un locale storicamente votato alla ristorazione nel cuore del centro

  • Spara ad un fagiano, ma colpisce per sbaglio l'amico: lui perde un occhio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento